Juventus, parla Branchini l’agente di De Sciglio “Mattia ? Finalmente sta tornando sui suoi standard”

Pubblicato il autore: Carlo Pranzoni Segui

 

Foto originale Getty Images © scelta da SuperNews

La Juventus la scorsa estate ha deciso di mettere mano al portafogli per fare un gran mercato, così da avere una rosa all’altezza ,sia tra i titolari che tra le riserve, che possa competere su tutti i tre fronti. Uno dei primi ad arrivare in ritiro è stato l’ex milanista e terzino della Nazionale Mattia De Sciglio, in cerca di riscatto dopo stagioni deludenti al Milan e voluto fortemente dal tecnico Allegri, che lo fece esordire in serie A ormai 6 anni fa. Uno dei colpi più altisonanti, invece, è stato senza ombra di dubbio il brasiliano Douglas Costa, arrivato in prestito con diritto di riscatto dal Bayern Monaco (che verrà con tutta probabilità esercitato) a 40 milioni e anche lui in cerca di riscatto dopo la passata stagione vissuta tra panchina e infermeria. Cosa hanno in comune questi due ? Oltre ad essere al primo anno di Juve hanno lo stesso agente, Giovanni Branchini che, ai microfoni de “La Gazzetta dello Sport” ha analizzato la situazione dei suoi assistiti.

Leggi anche:  SKY o DAZN? Dove vedere Torino Sampdoria in streaming e in diretta tv, Serie A 9° giornata

De Sciglio- Come detto prima, Mattia De Sciglio è stato preso dal Milan per la cifra di 12 milioni di euro, servita ai rossoneri per coprire in parte l’acquisto dell’ex bianconero Leonardo Bonucci, andato a rinforzare la difesa “scolapasta” vista nella scorsa stagione. Dopo l’errore da matita rossa in supercoppa italiana che ha fatto cominciare molto male la stagione al nuovo acquisto, Mattia è stato fermo per diverse settimane a causa di un infortunio, tornando titolare nella trasferta di Barcellona e uscendo dopo 45 minuti, ancora per infortunio. Il suo nuovo ritorno in campo è stato contro il Benevento, condito da una buona prestazione mentre, nella successiva partita col Crotone, il numero 2 ha siglato il suo primo gol da professionista con una gran botta dal limite dell’area. Altre ottime prestazioni in grandi sfide contro Napoli e Inter lo hanno promosso a titolare inamovibile della squadra, prima di un nuovo ko. Tornato in campo con il Chievo, dove ha disputato una gara ordinata, di lui il suo agente ha detto :Mattia? Penso che stia accadendo ciò che immaginavamo e che tutti ci auspicavamo. Credo che ci sia un ritorno graduale ai suoi standard e che abbia trovato l’ambiente in cui può esprimersi al meglio e con tranquillità. In un gruppo altamente competitivo credo stia trovando sempre più spazio. Penso sia sulla strada giusta, ma ne ha ancora molta da fare”.

Douglas Costa- Douglas Costa, invece, è stato accolto con molto calore in quanto ritenuto uno dei migliori colpi di mercato degli ultimi anni. Passato dall’essere titolare nella squadra tedesca con Guardiola, all’essere panchinaro con Ancelotti, l’ex Shaktar aveva bisogno anche lui di una chance di riscatto per dimostrare le sue capacità. Partito in sordina, si è guadagnato l’affetto del pubblico e la stima di Allegri grazie alla sua velocità, ai suoi dribbling ubriacanti, ai suoi gol (anche se potrebbe farne di più) e, soprattutto, ai suoi assist perfetti per i compagni che hanno risolto gare complicate come quella con il Cagliari o con lo Sporting Lisbona a Torino. Di lui Branchini ha dichiarato: Ad essere sincero credo non abbia dimostrato ancora tutto il suo potenziale. Sappiamo tutti come Allegri gestisce i nuovi arrivati per inserirli nella “macchina Juventus”. Lo ha fatto anche con Dybala, ricevendo insulti quando lasciava l’argentino in panchina. Poi, dal momento in cui lo ha fatto giocare, Paulo ha dimostrato tutto il suo potenziale. Douglas viene da realtà calcistiche diverse, quindi doveva assimilare al meglio molte cose prima di poter giocare da titolare in una squadra come la Juve. È migliorato molto sotto l’aspetto difensivo e credo possa dare ancora di più”.

  •   
  •  
  •  
  •