Mauro Icardi fa poker e risponde all’esclusione del ct argentino Sampaoli

Pubblicato il autore: Martina Gramaglia Segui
TURIN, ITALY - DECEMBER 09: Mauro Icardi of Internazionale in action during the Serie A match between Juventus and FC Internazionale at Allianz Stadium on December 9, 2017 in Turin, Italy. (Photo by Tullio M. Puglia/Getty Images)

(Photo by Tullio M. Puglia/Getty Images © scelta da SuperNews)

Chissà se Jorge Sampaoli sarà ancora così convinto delle proprie scelte. Solo un paio di giorni fa, il commissario tecnico dell’Argentina aveva scelto di escludere Mauro Icardi dalla lista dei convocati per le due amichevoli contro Italia, in programma all’Etihad Stadium di Manchester il 23 marzo e Spagna, quattro giorni dopo al Wanda Metropolitano di Madrid, optando per giocatori che nell’ultimo periodo hanno avuto maggiore continuità e lasciando al capitano dell’Inter il tempo per ritrovare la piena condizione dopo l’infortunio che lo ha tenuto ai box per oltre un mese.  Ma a giudicare dalla prestazione di oggi nella trasferta contro la Sampdoria, vinta 5-0, il bomber nerazzurro sembra essere tornato lo spietato castigatore da area di rigore. Un poker da far girare la testa e una performance di grande spessore, che rilancia le ambizioni europee dell’Inter, decisa più che mai a puntare al 4° posto e a riassaporare il gusto della Champions League. Lo stesso giocatore argentino, al termine della sfida con i blucerchiati, è tornato ad analizzare l’esclusione dall’Albiceleste, ostentando comunque una certa  tranquillità. “Ho parlato con lui, sapevo già che non mi avrebbe convocato”, ha spiegato Maurito ai microfoni di Sky Sport, “E’ giusto che dia possibilità ad altri visto che ultimamente ho saltato diverse partite. Poi deciderà lui”.

Leggi anche:  Inter DAZN, tre gare dei nerazzurri in streaming

Dal canto suo, il tecnico dei nerazzurri, Luciano Spalletti ha fatto ironia sull’episodio, mostrandosi quasi compiaciuto per la situazione. “Bravo Sampaoli, me lo lasci sempre a casa”. Questo il commento a caldo dell’allenatore di Certaldo al termine della gara con la Samp. “So che Mauro non è d’accordo, visto l’affetto che prova per la sua Nazionale. Però il suo ginocchio va gestito quindi se fa un ragionamento maturo, sa che tirare un po’ il fiato non può che fargli bene – ha spiegato Spalletti – Qualora non dovesse andare ai Mondiali, me lo ritroverei estremamente carico, perchè vorrà dimostrare che si sono sbagliati. Lui è un giocatore eccezionale”.

La prestazione odierna del capitano nerazzurro suona come un messaggio forte e chiaro al ct dei sudamericani in vista della Coppa del Mondo in Russia e c’è da giurarci che se Icardi dovesse marciare a questo ritmo, l’allenatore della selezione argentina dovrebbe iniziare a riconsiderare le sue scelte. Di certo un giocatore con questa forma potrebbe far comodo a Messi e compagni : a Sampaoli l’ardua sentenza.

  •   
  •  
  •  
  •