Branca: “Coutinho? Un giocatore super. Mai l’Inter aveva pagato così tanto un sedicenne”

Pubblicato il autore: Giuseppe Biscotti Segui
LIVERPOOL, ENGLAND - JUNE 03: Philippe Coutinho of Brazil controls the ball during the International friendly match between of Croatia and Brazil at Anfield on June 3, 2018 in Liverpool, England. (Photo /Getty Images)

Coutihnho – Foto Getty Images by Alex Livesey © scelta da SuperNews

Philippe Coutinho, un rimpianto per l’Inter. Il ventiseienne trequartista della nazionale brasiliana è un grande protagonista dell’inizio dei Mondiali di Russia 2018 con due reti nelle prime due giornate. Nel gennaio scorso ha fatto molto rumore il trasferimento record del giocatore dal Liverpool al Barcellona per 120 milioni di euro più 40 di bonus. Coutinho continua ad essere un grande rimpianto per i tifosi dell’Inter a causa della sua frettolosa cessione agli inglesi per soli 13 milioni di euro nel 2013. La sua militanza con la maglia nerazzurra durò appena due anni e mezzo con pochi alti e scarso ambientamento nel campionato italiano.

Le parole di Marco Branca. Proprio di Coutinho ha parlato l’ex direttore generale nerazzurro in un’intervista a La Gazzetta dello Sport. Branca ricorda il momento nel quale l‘Inter decise di acquistarlo: “Me lo segnalò un amico e lo feci visionare subito dal nostro impeccabile Casiraghi, capo-scout scomparso da poco. Mi disse: “È fantastico”. Così, cominciai ad andare in Brasile per trattare col Vasco: Coutinho aveva 16 anni e non potevamo tesserarlo, così ci accordammo con Dinamite, allora presidente del club, per prenderlo a 3,8 milioni e portarlo all’Inter due anni dopo. Riuscii a battere il Real Madrid, fu la prima volta che l’Inter spese tanto per un sedicenne nella sua storia: non fu un errore. È un giocatore super ed un bravissimo ragazzo”.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Coronavirus Serie A: ecco l'elenco di tutti i calciatori positivi
Tags: