Lazio: difficile avvio di stagione. Luis Alberto e Milinkovic-Savic tra i più deludenti

Pubblicato il autore: Lorenzo C Segui
Luis Alberto 22-07-2017 Auronzo di Cadore Ritiro estivo 2017-2018 SS Lazio Amichevole SS Lazio Vs Spal @ Marco Rosi / Fotonotizia

Foto professionale Getty Images© selezionata da SuperNews

Lazio inchiodata a zero punti. Biancocelesti in fondo alla classifica di serie A dopo due giornate di campionato. In quanti lo avrebbero pronosticato? Indubbiamente la partenza contro Napoli e Juventus, entrambe in testa a punteggio pieno, non invitava a compiere salti di gioia, ma dalla compagine capitolina ci si aspettava molto di più, soprattutto in termini di gioco e pericolosità.

Mettendo a confronto le due gare, sino ad ora disputate, resta di buono solamente la prima mezz’ora giocata all'”Olimpico” contro i partenopei, culminata con la rete d’antologia messa a segno da Immobile, l’unica realizzata in questi primi 180 minuti di campionato. Per il resto si è vista una Lazio in affanno, soccombere dinnanzi alla spinta propulsiva dei rispettivi avversari, con i suoi uomini più rappresentativi, ossia Luis Alberto e Milinkovic-Savic, deludere inaspettatamente.

Lo spagnolo non ha per nulla inciso in queste due gare, non fornendo il lauto contributo, dimostrato durante l’intero arco della scorsa stagione, a sostegno di Ciro Immobile. E’ apparso molle, poco reattivo, non ha mai acceso la luce nelle trame di gioco biancocelesti, sembrando un corpo estraneo nell’undici schierato da Simone Inzaghi. Note dolenti anche per quanto concerne Milinkovic-Savic. Il serbo, mister 120 milioni, è lontano parente del centrocampista tuttofare ammirato negli anni precedenti.

Il suo mondiale in Russia non è stato affatto scintillante ed anche queste prime due uscite in serie A meritano valutazioni mediocri. Il suo apporto alla squadra è stato irrisorio, per nulla affatto decisivo. La sua presenza in campo non ha permesso alla Lazio di poter compiere il tanto atteso salto di qualità, naufragando in questi due ko senza dare segnali di sé. Probabilmente le persistenti voci di mercato sul suo conto hanno minato la tranquillità di questo calciatore, non apparso particolarmente concentrato, dando vita, di conseguenza, a prestazioni non in linea con i suoi standard.

Simone Inzaghi, durante questa settimana, avrà il compito di risvegliare una squadra avvolta dal torpore, da un grigiore preoccupante. Emettere sentenze dopo solamente due giornate disputate rischia di essere errato e decisamente prematuro, ma senza ombra di dubbio, urge una scossa. L’ambiente biancoceleste rumoreggia, fallire l’appuntamento di domenica sera, all'”Olimpico“, contro il modesto Frosinone, aprirebbe una crisi inevitabile, che potrebbe mettere in discussione la posizione di Simone Inzaghi. L’obiettivo principale della compagine capitolina è quella di conquistare l’intera posta in palio, cancellando con un colpo di spugna tale debutto shock.

La Lazio deve ripartire e dovrà farlo grazie all’aiuto dei suoi uomini migliori. Tutti sono indispensabili e soprattutto elementi del calibro di Luis Alberto e Milinkovic-Savic dovranno mettere al servizio dei propri compagni le loro sublimi qualità al fine di apparire come valore aggiunto e non zavorre che certificano lo stato di crisi della squadra biancoceleste.

  •   
  •  
  •  
  •