Infortunio Pastore, l’argentino out per il Chievo: a rischio anche per Real Madrid-Roma

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui

Javier Pastore – Foto Getty Images© per SuperNews

Infortunio Pastore, Di Francesco perde l’argentino. Non solo Schick, infortunatosi in nazionale, ma per il match con il Chievo la Roma perde anche Javier Pastore. L’argentino soffre per un problema al polpaccio e salterà la sfida dell’Olimpico in programma domenica 16 settembre. A rischio anche la presenza del Flaco anche per la partita di Champions League, contro il Real Madrid al Bernabeu. Un’assenza che può pesare molto nell’economia del gioco dei giallorossi. Soprattutto perché Di Francesco ha messo Pastore al centro del villaggio romanista. L’ex Paris Saint Germain ha giocato titolare le prime tre giornate di campionato con la Roma, cambiando spesso posizione in campo. All’esordio, a Torino contro i granata di Mazzarri, Pastore ha giocato mezzala. Non entusiasmando. Contro Atalanta e Milan l’argentino ha giocato qualche metro più avanti, galleggiando tra centrocampo e attacco.

Leggi anche:  Dani Alves, stoccata alla Juventus: "Via perché hanno mentito"

Infortunio Pastore, quali soluzioni per Di Francesco? Prodezza di tacco a parte contro i bergamaschi, Pastore non ha entusiasmato. L’argentino viene da lunghi periodi di inattività, e si vede. Inoltre il Flaco deve riadattarsi ai ritmi del campionato italiano, totalmente diversi da quelli della Ligue 1 francese. Senza di lui Di Francesco potrebbe tornare all’amato 4-3-3. Cristante e Pellegrini potrebbero giocare ai lati di De Rossi o N’Zonzi. Difficile pensare ad altre opzioni senza Pastore. E anche senza Schick. Con l’attaccante ceco fuori causa si dovrebbe rivedere la formula che prevede Dzeko al centro con due esterni ai suoi lati. Meglio l’usato sicuro del nuovo che avanza? Con Chievo e Real Madrid le risposte.

Infortunio Pastore, la Roma deve ripartire senza l’argentino

Infortunio Pastore, si cerca il riscatto con il Chievo. 4 punti in classifica dopo tre giornate di Serie A e una sensazione crescente di insoddisfazione. Questa è l’atmosfera che si respira da parte dei tifosi della Roma sui social. E’ stato un mese di agosto complicato per i giallorossi, conclusosi con la partenza di Strootman e la sconfitta con il Milan. In mezzo la sofferta vittoria contro il Torino e il pareggio in rimonta con l‘Atalanta. Forse è già  poco per una squadra che l’anno scorso è arrivata terza in campionato e in semifinale di Champions League. La Roma ha di fronte la stagione della svolta. Questa è la prima vera versione della coppia Monchi-Di Francesco, dato che molti titolari del’era Sabatini-Spalletti sono andati via. Il campo giudicherà le scelte fatte in estate.

Leggi anche:  L'Atalanta cambia il pelo, ma non il vizio: miglior attacco della Serie A (esattamente come l'anno scorso)

Infortunio Pastore, l’argentino enigma giallorosso. E’ stato l’acquisto principale del mercato estivo, non ha convinto a pieno nelle prime partite e ora si ferma. Pastore è un po’ l’immagine simbolo di una Roma alla ricerca di sé stessa. Nella passata stagione Di Francesco ha quasi sempre insistito sul 4-3-3, con qualche divagazione in Champions League. Un modulo che ha consentito ai giallorossi di avere la terza miglior difesa del campionato. Ma in questa stagione è cambiato molto, forse troppo. Il centrocampo ha interpreti totalmente diversi. Via la sostanza di Nainggolan e Strootman, dentro la tecnica di Cristante e Pastore. Una Roma “spagnola”, così come il suo direttore sportivo. Domenica si ricomincia con il Chievo, poi il Real Madrid. Per Di Francesco e i suoi il tempo degli esperimenti deve essere finito. Per forza.

  •   
  •  
  •  
  •