Sassuolo: Boateng si riscopre ‘Prince’ e i tifosi già sognano l’Europa

Pubblicato il autore: Giacomo Luigi Uccheddu Segui

Kevin Prince Boateng – Foto Getty Images© scelta da SuperNews

Per un’Emilia che in questo inizio di campionato piange vedi il Bologna, per un’altra che soffre vedi il Parma, ce ne sono altre due che gioiscono con Spal e Sassuolo. La squadra di Roberto De Zerbi grazie al successo per 3-1 al Mapei contro l’Empoli nel primo match della quinta giornata si è portata momentaneamente in seconda posizione solitaria. Uno dei segreti della formazione neroverde è certamente il fantasista ghanese Kevin-Prince Boateng acquistato qualche settimana fa dall’Eintracht Francoforte.

Riscoprirsi ‘Prince’ sulla via Emilia

La carriera da calciatore professionista di Boateng inizia nel 2004 quando il ghanese calca i campi della quarta divisione tedesca con la seconda squadra dell’Herta Berlino, dopo un solo anno le sue buone prestazioni lo portano a esordire in Prima Squadra e nel 2007 viene ceduto al Tottenham. Con gli Spurs due stagioni di cui solo la prima è buona e nella quale vince la Coppa di Lega.

Leggi anche:  Quel giallo che pesa come un macigno: Romero contro la sua ex Juventus non ci sarà domenica

Nel Gennaio del 2009 torna in Bundesliga ma senza incantare con indosso la maglia del Borussia Dortmund. Tornato a fine stagione al Tottenham viene subito ceduto al Portsmouth dove in tre stagioni raccoglie 88 presenze e 17 reti. Le sue buone prestazioni vengono notate da Genoa e Milan che lo prendono in compartecipazione e proprio in rossonero il calciatore avrà la sua consacrazione.

A Milano vince subito uno Scudetto e l’anno seguente una Supercoppa Italiana con gol decisivo nel derby contro l’Inter ma oltre che per quest’ultimo gol i tifosi del Diavolo lo ricordano per la tripletta al Lecce nel 4-3 del 23 Ottobre 2011 e la doppietta al PSV nel ritorno dei Preliminari di Champions League 2013-14. Saranno i suoi ultimi due gol con Diavolo prima di accasarsi allo Scialche 04.

Leggi anche:  L'Atalanta cambia il pelo, ma non il vizio: miglior attacco della Serie A (esattamente come l'anno scorso)

Con la squadra di Gelsenkirchen due stagioni con 60 presenze e 7 reti prima di tornare al Milan senza lasciare tracce di sè. Nella stagione 2016-17 passa al Las Palmas dove realizza 10 gol in 29 presenze firmando il miglior rendimento sin qui della sua carriera. A fine stagione rescinde e si accasa all’Eintracht Francoforte dove trova 6 gol in 36 presenze, con le Aquile vince la Coppa di Germania.

In Estate il Sassuolo mette gli occhi su di lui e il ds dei tedeschi, Bobic, che un anno prima gli aveva promesso che non avrebbe fatto pressioni in caso Boateng avesse voluto cambiare aria, mantiene la parola data. Per la terza volta nella sua carriera di calciatore Kevin-Prince torna a vestire la maglia di un club italiano. Più avanti svelerà di averlo fatto per avvicinarsi alla famiglia e per questione culinarie.

Leggi anche:  Milan, pronto il rinnovo per Kessie fino al 2026

La cucina emiliana e il gioco di De Zerbi stanno facendo bene al ghanese che ha già trovato quattro gol e un assist. Per i neroverdi si tratta anche della seconda migliore partenza in A, dietro soltanto alla stagione 2015-16 quando l’allora squadra guidata da Di Francesco fece 11 punti nei primi cinque turni. Il Sassuolo, al termine di quella stagione, conquistò la storica qualificazione in Europa League.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: