Sassuolo-Milan, dentro o fuori per Gattuso? Formula qualità per allontanare Conte

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui

Gennaro Gattuso – Foto Getty Images© scelta da SuperNews

Gattuso rischia-tutto con il Sassuolo. E’ passato un mese dall’ultimo successo del Milan in campionato. Era il 31 agosto, Cutrone segnava allo scadere e il popolo rossonero sognava in grande. Da allora sono arrivati solo pareggi che hanno allontanato Romagnoli e compagni dal vertice della classifica. Come se non bastasse è arrivata una sequenza di infortuni nel reparto attaccanti. Prima si è fermato Cutrone, che ancora non è al meglio. Dopo il match con l’Atalanta stop per Higuain e, dopo Empoli, anche Borini ha dei problemi fisici. Per il match di questa sera con il Sassuolo il Pipita non è convocato, così come Caldara. Cutrone e Borini ci sono, ma vanno in panchina. Non la situazione ideale per affrontare una delle squadre più in forma del campionato. In più il Sassuolo nel turno infrasettimanale ha fatto riposare molti titolari. Uno su tutti, l’ex di turno Boateng.

Ci inventeremo qualcosa”, così Gattuso ieri in conferenza stampa commentando l’emergenza-attacco del Milan. Il “qualcosa” in questione sarà il tridente offensivo Suso-Castillejo-Calhanoglu. L’ex Villarreal giocherà centravanti con movimenti chiaramente diversi da quelli di Higuain o Cutrone. Un “qualcosa” di improvvisato, certamente poco provato. Ma una squadra di calcio non è fatta solo di schemi e diagonali. Una squadra di calcio è fatta anche di grinta, cuore e cattiveria agonistica. Cose che il Gattuso giocatore aveva da vendere e che il Gattuso allenatore ha forse dimenticato un po’ negli ultimi tempi. Ma stasera Ringhio rischia. Rischia grosso.

Gattuso, Sassuolo bivio decisivo

Già Massimiliano Allegri ci ha rimesso le penne al Mapei Stadium. Era il 12 gennaio 2014, il Milan perdeva 4-3 e il tecnico livornese veniva esonerato. Non si sa quali effetti potrebbe avere su Gattuso una sconfitta nel match di questa sera. Certo l’avvio di stagione del Milan non è stato in linea con le attese. Elliott, tramite Leonardo, comincia a spazientirsi. La dirigenza milanista non ha messo seriamente in dubbio Gattuso, ma questa è una settimana molto delicata. Sassuolo questa sera, Olympiakos in Europa League e di nuovo campionato con il Chievo. Tre partite prima di un sosta che potrebbe essere benedetta per il Milan.

Dopo la pausa per le nazionali ci sarà il derby con l‘Inter. I nerazzurri oggi sono a più 7 sul Milan. Non è quello che preoccupa dei rossoneri. Quello che preoccupa è l’atteggiamento in campo, la condizione fisica e la scarsa attitudine a saper soffrire nei momenti chiave della partita. Gattuso sa che queste componenti sono essenziali in una squadra di calcio che vuole inseguire importanti traguardi. Sassuolo-Milan può e deve essere la svolta stagionali per i rossoneri. Mancano giocatori importanti, ma questo non deve essere un alibi. I tifosi milanisti sono allarmati al pensiero di buttare una stagione già a fine settembre. Ancora il Mapei Stadium. Ancora il Sassuolo. Gattuso rischia tanto, forse tutto. Proprio contro il “nemico” De Zerbi. Strani incroci dello stravagante mondo del calcio. Ogni maledetta domenica.

  •   
  •  
  •  
  •