Gattuso, anche la Curva Sud contro il tecnico:”Vergognatevi”. Donnarumma adesso è un caso aperto al Milan

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui

Gennaro Gattuso – Foto Getty Images© scelta da SuperNews

Gattuso, i tifosi sono stanchi. Com’era prevedibile il gol di Icardi ha lasciato pesanti strascichi in casa Milan. La Curva Sud, attraverso Luca Lucci, ha esternato su Instagram tutto il proprio disappunto sull’esito del derby.

https://www.instagram.com/p/BpPDjk_h-fP/?hl=it&taken-by=lucci_luca

 

Gattuso, un derby da dimenticare in fretta. Perdere all’ultimo minuto fa sempre male, figurarsi in un Inter-Milan. Ma il gol al 92′ di Icardi è stata la naturale conseguenza di una partita in cui i rossoneri non hanno fatto molto per vincere. Anzi hanno fatto poco, troppo poco. Ormai il canovaccio rossonero dell’era Gattuso è noto anche alle pietre: ritmo lento, tanto gioco con il portiere e pochi tiri in porta. Una formula che non sta certo aiutando il Milan in questa stagione. Per analizzare il momento rossonero è cosa buona e giusta partire dai numeri. I punti in classifica sono 12 (con una partita in meno), come la Spal. A meno 13 dalla Juventus, meno 9 dal Napoli, meno 7 dall‘Inter e meno 6 dalla Lazio. Il Milan subisce gol in campionato da 14 partite consecutive, peggior striscia delle attuali 20 squadre della Serie A. I rossoneri hanno giocato tre scontri diretti: sconfitte con Napoli e Inter, vittoria con la Roma. Anche se i giallorossi di questo inizio di stagione non sembrano certo una corazzata.

Leggi anche:  Il Milan cerca Junior Firpo per rinforzare la difesa

Contro l’Inter i numeri sono ancora più impietosi. Due tiri nello specchio della porta in tutto il match, di cui il primo all’80′. Nel primo tempo il Milan ha giocato 4-palloni-4 nell’area di rigore dell’Inter. Il gol dei nerazzurri è arrivato alla fine, ma poteva arrivare sul palo di De Vrij o su altre occasioni sciupate dai nerazzurri. I cambi poi. Innanzitutto si è aspettato 73 minuti per fare il primo. Che senso ha mettere un bomber d’area di rigore come Cutrone sulla fascia sinistra? Che senso ha inserire l’inutile e dannoso Bakayoko per Kessié? Che senso ha far entrare Abate al 92′ per l’ottimo Calabria? Domande a cui Gattuso dovrà rispondere sul campo. Già a partire da giovedì in Europa League contro il Betis Siviglia.

Leggi anche:  Eriksen, l'agente racconta: "Christian non molla"

Gattuso, Donnarumma è un caso

Buono con l’Italia, men che sufficiente con il Milan. E’ questo il momento di Gigio Donnarumma. Il portiere rossonero è stato ancora una volta protagonista in negativo. Una cosa che gli succede sempre più spesso nelle partite importanti. Nella passata stagione possiamo citare Arsenal-Milan o Juventus-Milan, finale di Coppa Italia. Gattuso continua a farlo giocare titolare, pur avendo un ottimo rimpiazzo come Reina in panchina. Sul gol di Icardi hanno sbagliato in tre: Donnarumma, Musacchio e Abate. E’ innegabile che le colpi maggiori sono del portiere. Come si fa a non pensare che Vecino possa crossare bene e un falco come Icardi avventarsi sul pallone?

Capitolo Higuain. Sul finire della scorsa stagione Gattuso ha più volte chiesto un attaccante da 20 gol a stagione. Gli è stato preso il migliore che si poteva acquistare. Il tecnico rossonero però contro l’Inter ha abbandonato il Pipita nella morsa di De Vrij-Skriniar, senza uno straccio di rifornimento. Higuain è per distacco il miglior giocatore della rosa del Milan. Sarebbe ovvio disegnare la squadra intorno a lui. Così come fa Allegri con Cristiano Ronaldo, Ancelotti con Insigne e Spalletti con Icardi. Sono gli attaccanti che fanno vincere le partite. Forse Gattuso pensa di avere ancora André Silva o Kalinic invece di Higuain. Oppure non è semplicemente in grado di far rendere la squadra al meglio. Se è così si dimetta. Per il bene suo, del Milan e dei tifosi milanisti.

  •   
  •  
  •  
  •