Infortunio Caldara, il guaio è serio per il Milan: è emergenza difesa per Gattuso

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui

Gennaro Gattuso – Foto Getty Images© scelta da SuperNews

Infortunio Caldara, tre mesi di stop per il difensore. Brutte notizie per i rossoneri. Secondo quanto riportato dall’edizione odierna de La Gazzetta dello Sport, l’infortunio di Caldara è più grave del previsto. Il giocatore, stando a quanto riferito dalla rosea, si è procurato uno strappo di quasi tre centimetri al muscolo del polpaccio destro. L’assenza, a questo punto, potrebbe essere di tre mesi. La riabilitazione verrà fatta a Milano, insieme allo staff rossonero e senza avvalersi di consulenti esterni. L’umore del giocatore e di chi gli sta vicino, ovviamente, resta cupo.

Infortunio Caldara, che tegola per Gattuso. Quando sembrava pronto per cominciare finalmente la sua stagione, ecco la batosta. Mattia Caldara dovrà stare fermo due mesi per un problema muscolare. L’ex Atalanta si è fermato per un problema al gemello mediale destro. A questo punto il suo 2018 si può dire concluso qui. “Una stagione maledetta per lui”, così ha commentato Gattuso nel post Milan-Sampdoria. In questi primi due mesi Caldara ha giocato solo una volta da titolare, in Europa League contro il Dudelange. Una vera mazzata per lui e per il Milan. I rossoneri devono così fronteggiare una vera e propria emergenza in difesa. Nel match vinto contro la Sampdoria anche Calabria si è fermato per una distorsione alla caviglia. Il tutto sommato alla lungodegenza di Strinic. Ieri a San  Siro si è rivisto Conti. Ma per il terzino ex Atalanta ci vorrà ancora un po’ di tempo.

Leggi anche:  Il Milan ha ufficializzato il riscatto del difensore

Infortunio Caldara, uomini contati in difesa per il Genoa. Mercoledì sera il Milan torna in campo. A San Siro arriva il Genoa. Si tratta del recupero della 1.a giornata di campionato, non disputato per la tragedia del Ponte Morandi dello scorso agosto. Per quell’occasione Gattuso dovrà fare la conta in difesa. A destra ci sarà Abate, che presumibilmente prenderà il posto di Calabria. In mezzo, out Caldara, probabile conferma per la coppia Musacchio-Romagnoli. A sinistra solito ballottaggio Rodriguez-Laxalt. Anche se contro il Sampdoria i due hanno giocato piuttosto bene in tandem sulla fascia sinistra. Bene l’uruguaiano in posizione avanzata. L’ex Genoa è entrato nell’azione del secondo gol rossonero e ha anche colpito un palo nel finale.

Infortunio Caldara, la difesa è il vero problema del Milan

Infortunio Caldara, troppi gol subiti dai rossoneri. Milan hai un problema: la difesa, o meglio i troppi gol presi. La squadra di Gattuso contro la Sampdoria ha incassato gol per la 15esima volta consecutiva in Serie A. Una striscia da horror. In questa stagione la porta del Milan è rimasta inviolata solo contro il Dudelange. 13 gol subiti in 9 partite di campionato, più 3 in tre partite di Europa League. Un dato preoccupante. Molti pensavano che il rientro di Caldara potesse dare una bella mano. L’ex Atalanta non tornerà in campo prima di due mesi, quindi Gattuso deve arrangiarsi con quello che ha. Contro la Sampdoria il Milan ha subito due tiri in porta ed altrettanti gol e stavolta Donnarumma è innocente.

Leggi anche:  Florenzi nel mirino della Juventus: i bianconeri provano il colpo

Infortunio Caldara, quali rimedi per la difesa del Milan? La sensazione è che i rossoneri debbano stare meglio in campo. Contro la Sampdoria c’è stato il tanto sospirato cambio di modulo. I gol sono arrivati. Ma quello non è un grande problema per Gattuso. Il Milan ha il terzo miglior attacco della Serie A, con una partita in meno. Si tratta di equilibrio. Soprattutto a centrocampo. Biglia e Kessiè devono integrarsi meglio in una linea a due e proteggere meglio la difesa. L’ex Lazio deve alzare la linea del pressing, così che la squadra non difenda troppo vicino all’area di rigore. Gattuso deve cercare di rimediare a questo problema, in fretta. Anche perché se davanti ha due animali da gol come Higuain e Cutrone sai che prima o poi uno lo fai. Basta farli giocare insieme. Sempre.

  •   
  •  
  •  
  •