Lecce, la proposta di Sticchi Damiani per riaprire lo stadio

Pubblicato il autore: GennaroIannelli Segui

La Serie A ripartirà molto probabilmente a porte chiuse. Una decisione che lascia l’amaro in bocca a molti tifosi, ma che si rende necessaria al fine di garantire la sicurezza e salvaguardare la salute di tutti. Sarà forse un calcio un po’ “mutilato” per via dell’assenza di cori, bandiere, colori ma, allo stato attuale, questa sembra essere la sola soluzione praticabile per garantire la conclusione del campionato. Eppure, ci sono alcuni club che si stanno ingegnando per provare a garantire ai propri affezionati lo spettacolo dal vivo. Tra questi il Lecce che, attraverso le parole del Presidente sticchi Damiani, ha prospettato una possibile soluzione per la riapertura del “Via del Mare” al pubblico.

Lecce, si torna allo stadio? “Possibile turnazione tra gli abbonati”

Il patron salentino, parole raccolte dal Corriere dello Sport, ha infatti avanzato l’idea di garantire, a turno, l’accesso agli abbonati, così da non privare dello spettacolo del campo almeno i tifosi più appassionati e rispettare le norme di sicurezza relative al distanziamento sociale:
Dopo la ripresa è giusto fare un altro passo in avanti – ha dichiarato il Presidente del LecceIl “Via del Mare” ha una capienza di 30.000 posti e credo che noi potremmo garantire, a turno e con criteri che verranno decisi, l’ingresso ai nostri 20.000 abbonati, bloccando ovviamente la vendita dei biglietti. Seguiremo ovviamente tutte le precauzioni e garantiremo la massima sicurezza”.

Una proposta sensata che pare conformarsi a quanto già accade in altre parti d’Europa. Come riporta lo stesso Corriere, in Polonia, ad esempio, il Premier Morawiecki ha annunciato che gli stadi potranno essere occupati per il 25% della loro capienza. Nel “Decreto Rilancio” è poi specificato che, in caso di spettacoli all’aperto, (come lo è una gara di calcio), è ammesso in presenza un pubblico di 1000 persone: che il “Via del Mare” sia il primo stadio italiano a riaprire i battenti? Occorrerà seguire gli sviluppi normativi e ministeriali per saperlo con certezza.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Torino: Esultanza Glik, è bufera tra i tifosi granata