Medici Sociali: Categoria non ascoltata?

Pubblicato il autore: Demetrio Segui


I medici, i dottori, gli infermieri rappresentano la categoria che in questo momento storico è al centro del mondo vuoi per meriti che si stanno costruendo e soprattutto meritando nella battaglia contro il Covid-19, vuoi anche per la protezione fornita alla loro categoria che in certi ambiti è poco tutelata. E’ il caso, ad esempio, del mondo del calcio troppo impegnato a pensare a come ripartire piuttosto che a sentire il parere di gente che, forse, meriterebbe di essere ascoltata.

Le parole del Prof Castellacci sui medici

L’ex responsabile sanitario della nazionale italiana il Prof Enrico Castellacci è intervenuto a Radio Punto Nuovo dicendo la sua sulla questione medici-mondo del calcio:”Un medico non è un eroe, ma un professionista serio e si assume le proprie responsabilità. E’ da tempo che dico che il medico del calcio è l’anello debole della catena che non ha un contratto depositato in Lega. Il paradosso è che la figura più debole si trova ad essere la figura fondamentale e la più critica. Ho già ricevuto molte lettere dai colleghi della Serie B che minacciano le loro dimissioni in caso non venisse rivista la questione delle responsabilità, che diventa una responsabilità penale”. L’ex capo dei medici azzurri ha poi continuato il suo pensiero soffermandosi sui club e le scelte del Cts: “I club si devono assumere le loro responsabilità, bisogna nominare dei medici competenti che vanno associati ai medici nel calcio nel rispettare le linee guida. Situazione difficile da monitorare con molta attenzione. Quarantena? Si crea un grosso handicap, se si fosse seguito il modello tedesco sarebbe stato più semplice. Avremmo messo in isolamento il giocatore contagiato, fatto i tamponi necessari e fatto riprendere gli allenamenti. Qui si pensa ad una riapertura del campionato non escludendo una prossima chiusura. Una volta che s’iniziano le trasferte, il pericolo di contaminazione è piu alto, basta un solo giocatore e si blocca il campionato. Crea delle perplessità non indifferenti sulla volontà di ripartire.”

Parole dal significato chiaro quelle del Prof. Enrico Castellacci, persona che sicuramente è ferrata nel campo della medicina. In un mondo paralizzato probabilmente una parola di più andrebbe fatta dire a chi questa guerra la sta combattendo ogni giorno al fronte e tutelando la categoria in ogni ramo. Chi vivrà vedrà.

 

  •   
  •  
  •  
  •