Simone Inzaghi vuole riprendere la caccia ai record

Pubblicato il autore: Demetrio Segui

Simone Inzaghi

Sta guidando la fuoriserie Lazio con maestria. La sua squadra si trova ad uno solo punto dalla vetta, con ancora lo scontro diretto in casa della Juventus da affrontare. Lui, Simone Inzaghi, non si tira indietro ed ha una voglia matta di ripartire per concludere la stagione e per raggiungere un importante, e invidiabile record nella storia biancoceleste.

Il record di Simone Inzaghi

In questa stagione, la Lazio ha mostrato di essere macchina perfetta condotta in maniera sapiente da Inzaghino. I numeri dei biancocelesti sono impressionanti. Prima del lockdown, l’invidiabile score raccontava di una striscia, ancora aperta, di 21 risultati utili senza sconfitte. Miglior difesa del torneo con 23 reti subite in 26 giornate e, in più Immobile e soci vantano il secondo migliore attacco del plotone Serie A con 60 reti realizzate. Numeri da fuoriserie appunto. Ora, Simone Inzaghi e la sua truppa aspettano di poter ripartire con gli allenamenti collettivi che andranno a culminare con l’ipotetica ripresa del campionato. Come riportato dal Corriere dello Sport, Inzaghino ha un motivo in più per sperare che tutto possa ricominciare. Oltre allo scudetto, infatti, egli punta ad entrare nella storia del club biancoceleste balzando in testa alla classifica degli allenatori più longevi su tale panchina. Nel suo percorso ha già superato mostri sacri della storia Lazio come, ad esempio, il mentore Eriksson oppure Delio Rossi. Il mirino ora è fisso sulle 202 presenze di una leggenda come Dino Zoff. Le 12 partite che mancano alla fine della massima competizione nazionale italiana aiuterebbero Simone Inzaghi a coronare questo sogno, essendo l’attuale tecnico a quota 191 panchine. La speranza, in primis sua, ma poi anche del tifo biancoceleste è che Inzaghino possa brindare al raggiungimento del suo obiettivo personale in concomitanza con un altro importante brindisi dal sapore speciale: quello per il tricolore che a Roma, sponda Lazio, aspettano dal lontano 2000, quando Inzaghino indossava la maglia numero 21 e faceva gol. Ora è direttore d’orchestra, ma non ha mai smesso di sognare e ora vuole riprendere per sé e per la storia della Lazio.

  •   
  •  
  •  
  •