Luis Alberto, ritorno alle origini: ecco come Inzaghi vuole farlo esplodere definitivamente

Pubblicato il autore: Davide Roberti Segui

La Lazio, a livello di rosa, è sempre stata un passettino indietro rispetto a Juventus ed Inter. La squadra di Inzaghi ha un ottimo undici titolare, ma ha ben poche riserve importanti che possano dare una grossa mano: mentre le altre bue big, al netto degli infortuni, possono permettersi maggiori rotazioni, i biancocelesti sono un po’ più in difficoltà sotto questo punto di vista. Per questo, in vista del forcing finale, Simone Inzaghi sta studiando alcuni accorgimenti per fronteggiare l’alto numero di partite: una novità sarà rappresentata dalla posizione ricoperta in campo da Luis Alberto, che permetterà una soluzione in più per il tecnico ma anche una possibilità di far esplodere definitivamente lo spagnolo.

Luis Alberto, ritorno sulla trequarti in vista

Luis Alberto, il Mago, quest’anno ha avuto un rendimento impressionante. Ha segnato “solo” 4 gol, ma giocando da mezzala al fianco di Leiva e Milinkovic si è ovviamente allontanato dalla porta. In compenso, però, ha offerto ben 12 assist, che significa circa uno ogni due partite giocate. Di fatto, con Luis Alberto la Lazio inizia il 50% delle partite sull’1-0, perché lo spagnolo non si ferma mai. La cosa che impressiona è proprio il fatto che i suoi numeri stagionali siano quelli di un trequartista, pur giocando molto più indietro. Cosa succederebbe, dunque, se, considerando questo stato di forma straripante, tornasse a giocare dietro a Ciro Immobile, come gli anni passati? Inzaghi vuole provare a dare una risposta a questo quesito, pertanto sta preparando per lui uno spazio sulla trequarti. Spostarlo di nuovo più avanti significherebbe far rifiatare, ad esempio, Correa o Caicedo, liberando uno spazio a centrocampo che può essere occupato da Cataldi o da Parolo, così che sia disponibile un maggior numero di sostituti. Insomma, questa soluzione potrebbe rivelarsi fondamentale per la Lazio, anche in ottica Scudetto.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  L'Atalanta blinda il suo Pessina (e allontana le big) fino al 2025: progetto nerazzurro a lungo termine