Conferenza Sarri post Juve Toro: “Male a inizio ripresa, poi in crescita”

Pubblicato il autore: Davide Roberti Segui


CONFERENZA SARRI POST JUVE TORO – La Juventus ha vinto ancora una volta la stracittadina torinese, match che ha perso una sola volta nel nuovo millennio (nel 2015). Il Torino, al di là di qualche minuto ad inizio ripresa durante i quali aveva anche raggiunto il 2-2, seppur in fuorigioco, è apparso per l’ennesima volta inferiore, inerme, paralizzato di fronte ai cugini odiati di sempre. Ed allora la Juve ne ha approfittato, cogliendo il quarto successo post lockdown e allungando a +7 sulla Lazio, sconfitta in casa dal Milan qualche ora dopo: lo scontro diretto che arriverà tra poco potrebbe chiudere il campionato, così come potrebbe riaprirlo.

Conferenza Sarri post Juve Toro: “Mai avuto dubbi su Dybala e Cuadrado. E CR7…”

Sarri, come di consueto, ha parlato al termine del match, affrontando vari temi e, di fatto, mostrando la sua soddisfazione per quella che è stata una buona prestazione della Juventus, seppur con qualche sbavatura. Queste le parole del tecnico per riassumere la sfida: “Non era una partita facile, lo sapevamo. Prima siamo andati in vantaggio ed abbiamo raddoppiato, poi il rigore ci ha innervositi ed abbiamo fatto fatica ad inizio ripresa. Poi è arrivata la stanchezza ed è venuta fuori la nostra qualità

Leggi anche:  Ramsey attacca la Juventus. Ecco le parole del gallese

CONFERENZA SARRI POST JUVE TORO

FASE FINALE DEL PRIMO TEMPO – “Abbiamo lasciato un po’ troppo la palla scoperta con troppa continuità nella metà campo avversaria e appena spostavamo i centrocampisti per andare in pressione venivamo infilati dai due giocatori fra le linee. E’ uno degli aspetti che abbiamo cercato di sistemare all’intervallo

RAPPORTO CON DYBALA – Un rapporto buono, diretto e schietto. Senza nascondersi niente. Su Dybala non ho mai avuto alcun tipo di dubbio. E’ vero che l’anno scorso non ha segnato molto in campionato ma se si prende la stagione di due anni fa ha segnato tantissimo. Ha solo avuto una stagione sfortunata. Gli ho sempre detto come deve muoversi e giocare, stare meno nella nostra metà campo a prendere il pallone e di più vicino a Ronaldo

Leggi anche:  Romero sposa l'Atalanta: "Voglio rimanere a Bergamo: non vedo l'ora di essere riscattato. Su Gasperini..."

CUADRADO – A me sinceramente Cuadrado mi ha sorpreso non tanto per le qualità che conoscevamo tutti ma per l’applicazione e la disponibilità a giocare sulla linea difensiva. Ha una concentrazione in allenamento fuori dal normale e quindi è diventato un difensore di buon livello mantenendo le sue notevoli qualità tecniche e fisiche in fase offensiva

RONALDO E LE PUNIZIONI – Sinceramente non pensavo, ma a dine partita è venuto e mi ha detto: <<Finalmente>>”

BUFFON E IL RECORD DI PRESENZE DI DEL PIERO –Quello di gol non lo batterà (ride). Mancano 35 partite? (al record di presenze con la maglia della Juve di Del Piero) Un po’ rischia (ride)”

  •   
  •  
  •  
  •