Sarri: “I miei sono ragazzi a posto. A loro mi sono affezionato”

Pubblicato il autore: Desiree Capozio Segui


Parla in tono decisamente più rilassato, Maurizio Sarri, che nel post partita di Juve-Samp, match che ha assegnato il nono scudetto consecutivo alla Juventus, ha dichiarato con tono quasi paterno:

“All’inizio vedi i campioni, i fuoriclasse. A fine anno vedi i ragazzi, piano piano ti affezioni sempre di più ai giocatori che hai per le mani. E’ cambiato quello nel rapporto, il primo giorno era strettamente professionale. Uno entra nello spogliatoio e vede tanti fuoriclasse, uno entra adesso nello spogliatoio e vedi ragazzi a posto. Per quanto riguarda i momenti di tensione e le discussioni, beh… Mistificazione. In ogni spogliatoio c’è un momento di discussione e confronto per trovare punti in comune… penso che sia qualcosa di normale, è successo ogni anno di avere scambi di opinione, cercare miglioramenti. Per me è stato normale, ma credo lo sia in tutte le collaborazioni: è un momento da affrontare e più a viso aperto si affronta e più problemi si risolvono. Per me la più grande difficoltà è stata a livello tattico, ovvero come far convivere certi giocatori con le loro caratteristiche, che sono la loro forza e cercare poi di farli giocare insieme, cosa che non era scontata come si è visto negli scorsi anni”

  •   
  •  
  •  
  •