Spadafora: “Possiamo farcela a portare a termine il campionato, ma non abbiamo certezze. Su Ronaldo…”

Pubblicato il autore: Danilo De Falco Segui


Il Ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora, è intervenuto ai microfoni di La7 nel corso del programma “L’aria che tira”. Spadafora ha parlato della situazione dello sport dopo l’ultimo Dpcm e toccando anche altri aspetti, tra cui la disputa con Cristiano Ronaldo. Ecco le sue parole.

Spadafora: “Lo ribadisco, Cristiano Ronaldo ha violato il protocollo”

“La mia non è una posizione contro Speranza, se ci fossimo trovati di fronte a una situazione nella quale si sarebbe dovuto chiudere tutto il paese avremmo preso decisioni diverse ma non volevo che a pagare fosse solo lo sport. Per quel che riguarda gli sport di gruppo dobbiamo privilegiare gli allenamenti individuali. No alle partite. Ci sono stati molti controlli da NAS e Carabinieri all’interno delle palestre, poi ci devono pensare i sindaci, con la polizia municipale. Il mondo delle palestre ha investito tanti soldi per mettersi a norma: venerdì pubblicheremo un protocollo più rigido, sul tema della distanza e anche su quello delle mascherine. Non vogliamo penalizzare questo mondo, non ci sono contagi particolari all’interno delle palestre.
L’evoluzione della crisi ci porta a cambiare e a fare scelte che sembrano irrazionali di settimana in settimana. Se la situazione comunque peggiora saremo costretti a prendere provvedimenti molto più rigidi”.

Sulla Serie A, ecco le parole di Spadafora: “La Serie A è un mondo a sé, gli altri sono un altro mondo. Ce la possiamo fare a portare a termine il campionato ma non so se si arriverà fino in fondo. Non abbiamo certezze, né sulla Serie A né su altri aspetti. La Lega deve trovare un piano B e un piano C”.

Riguardo la famosa bolla stile NBA: “Quando ci sono stati vari casi nei giorni scorsi ho parlato del protocollo, che prevede già una bolla, ma se calciatori e società non la rispettano non possiamo farci nulla”.

Ulteriore attacco anche a Cristiano Ronaldo“I grandi campioni si sentono al di sopra di tutto. Quando ha lasciato l’Italia per andare in Nazionale ha violato il protocollo ed è stato aperto un fascicolo alla Procura della Repubblica. Il messaggio che dovrebbero mandare questi campioni dovrebbe essere quello di rispettare le regole. Tutti i presidenti e le società devono dare il buon esempio”.

Chiusura sulla questione Juventus – Napoli“Se c’è un giudice che ha deciso rispetto la decisione, poi ci sono i ricorsi. Inviterei poi De Luca a occuparsi del sistema sanitario campano. Il protocollo è stato accettato da tutte le squadre, non lo possiamo cambiare tutte le volte. Il giudice sportivo ha accertato che il Napoli aveva già deciso”.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Risultati Serie A 9° Giornata: Milan ancora vittorioso, il big match Napoli-Roma va ai partenopei