Cassano sicuro: “Scudetto? L’Inter è favorita ma non gioca bene. Sarebbe un disastro se…”

Pubblicato il autore: Gaetano Masiello Segui


Antonio Cassano nel corso di un’intervista rilasciata sul canale You Tube del telecronista di DAZN, Stefano Borghi, si è raccontato a 36o° a partire dalla sua carriera di calciatore per poi finire a parlare dell’Inter di Antonio Conte.

Cassano sull’Inter: “I nerazzurri hanno iniziato malissimo la stagione facendosi eliminare sia dalla Champions che dall’Europa League, è stato un disastro. L’ Inter ha l’obiettivo di vincere lo Scudetto, se dovesse arrivare seconda sarebbe un disastro. E’ la favorita per lo scudetto perchè ha la possibilità di giocare una volta a settimana e questo dà qualcosa in più. L’Inter è una squadra molto solida, fa 3-4 cose ma praticamente gioca 70-80 minuti sotto la linea della palla. Con i giocatori che ha, secondo me deve fare un calcio offensivo e dominare le partite. Io sono tifoso dell’Inter fin da quando sono bambino ma la squadra che mi emoziona di più è l’Atalanta”.

Cassano sul suo periodo da calciatore: “Il miglior centravanti della storia del calcio è Ronaldo il Fenomeno. Era qualcosa di magico ed irripetibile: Messi ha fatto cose più importanti, ma come centravanti ideale metto lui, Van Basten e Ibrahimovic. In quell’epoca lì giocavo anche Ruud Van Nistelrooy, poi è arrivato il Pipa Higuain che era molto giovane”.

Cassano elogia anche il suo ex compagno di squadra all’Inter, Diego Milito: “E’ assurdo come Diego Milito sia diventato Diego quando si è trasferito all’Inter. Diego è esattamente l’imitazione di Van Nistelrooy. Mi impressionava quando sterzava in un attimo, come nei due gol in finale di Champions, soprattutto il secondo. Sapeva stoppare, dribblare, sapeva dare la palla, sapeva giocare solo o con un altro affianco. È un giocatore fantastico, un ragazzo fantastico È un ragazzo fantastico, non ho capito come ha fatto a esplodere a 27-28 anni, è una follia del calcio”.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Spezia-Inter, probabili formazioni: Perisic titolare, Italiano si affida a Piccolo