Inter, una coppia d’oro: al di là delle percentuali, lo scudetto è tra le mani

Pubblicato il autore: Veronica Pecorilli Segui

Inter una coppia d'oro
In casa Inter scopriamo sempre di più una vera e propria coppia d’oro. La vittoria contro il Sassuolo ci ha dimostrato quanto poco contino le percentuali (possesso palla) all’interno di una sfida, ma quanto più di concreto possa succederne all’interno. Roberto De Zerbi tecnico del Sassuolo, sprona la sua squadra portando a casa un possesso palla pari al 70,3% con 490 passaggi in più rispetto all’Inter di Conte. Ma il risultato finale mostra che la ragione si trova nelle mani di Antonio Conte, portando a casa un bel 2-1. Pochi passaggi ben fatti, portati a termine con successo: Lautaro e Lukaku si dimostrano ancora una volta due giocatori da record.

Inter, una coppia d’oro: record Lautaro e Lukaku?

L’inter macina record con giocate di qualità raggiunge così le 10 vittorie consecutive. La coppia d’oro è sempre più viva, l’argentino di soli 23 anni Lautaro Javier Martínez si mostra ancora una volta utile nel suo ruolo, soprattutto in rientro verso il centrocampo. Ad affiancare un grande giocatore ne occorre un secondo dalle medesime qualità, come l’attaccante belga Romelu Menama Lukaku. Quest’ultimo è in grado di muoversi per tutto il campo nel minor tempo, ‘ripulendo’ le difficoltà e trasportando tutta la rosa in un’unica azione di profondità: in questo viene considerato il miglior giocatore.

Leggi anche:  Ecco la maglia celebrativa dell'Atalanta in vista della finale di Coppa Italia

Un possesso palla basso per l’Inter

Nonostante la vittoria dell’Inter per 2-1 contro il Sassuolo di Roberto De Zerbi, i nerazzurri subiscono basse statistiche relative al possesso palla. Tale situazione non appoggiata da un costante possesso, riesce a non condizionare l’andamento della sfida. Un match che risulta piacevole e fluida anche per i nerazzurri, che riescono in ogni modo a concretizzare. Giunti a questo punto è difficile non sentirsi già l’obiettivo tra le mani, nonostante le sfide non siano ancora concluse, ma questo nessuno può negarlo: uno scudetto meritato. 

  •   
  •  
  •  
  •