Simone Inzaghi, messaggi di fuoco alla proprietà: “Mercato chiuso, la squadra deve restare questa”

Pubblicato il autore: Christian La Pira


E’ tempo di vigilia di campionato per l’Inter di Simone Inzaghi, che domani sera al Via Del Mare di Lecce inizierà il suo campionato 2022/2023 con l’obiettivo di riportare lo scudetto nella sponda nerazzurra di Milano dopo un anno di pausa. Il tecnico piacentino ha presenziato ad Appiano Gentile per la conferenza stampa pre-partita, la prima di questa stagione.

“Out solo D’Ambrosio, Brozovic è recuperato e ci sarà”

“C’è tanta voglia di partire” – Le prime parole dell’allenatore nerazzurro – “Abbiamo fatto un gran lavoro fin qui, abbiamo voluto affrontare avversari molto più avanti di noi fisicamente, e l’unica paura era di perdere qualche giocatore per infortunio e invece mancherà soltanto D’Ambrosio per un affaticamento. Sono tutti a disposizione e sono contento di questo, pure Brozovic che penso sarà della partita. Lukaku lavora bene come gli altri, sono contento di lui, di Correa, di Lautaro e di Dzeko. In avanti avevamo anche Sanchez e Pinamonti, ma abbiamo fatto delle scelte puntando sui 4 che sono rimasti”.

“La rosa è definitiva, manca solo l’alternativa di De Vrij”

“Sul mercato, la squadra è quella che ho concordato con la società. Ci manca solo un centrale per sostituire Ranocchia e ci stiamo lavorando, per il resto il mercato è chiuso sia in entrata che in uscita, e non voglio più parlarne. La squadra deve rimanere questa, ma davvero non voglio più parlarne. Ora la mia testa è sul Lecce. Dobbiamo, ripeto, solo trovare un sostituto di Ranocchia che possa alternarsi con De Vrij, che al momento se non ci fosse rimpiazzerei con Skriniar centrale. Ho la fortuna di avere giocatori molto duttili e disponibili. Ma il sesto difensore arriverà. In alternativa da centrale dei 3 abbiamo anche D’Ambrosio“.

Leggi anche:  Champions League, probabili formazioni Inter-Barcellona: Correa o Dzeko? Out Depay

“Handanovic e Onana top, domani Gosens titolare”

Handanovic e Onana sono due grandissimi portieri. Il valore di Samir non si discute, mentre Onana è molto sveglio, sta facendo molto bene e avrà le sue chance già da quest’anno. E’ un opzione in più, e di questo io e il mio staff siamo molto soddisfatti. Negli altri ruoli ho l’imbarazzo della scelta, in rosa ho tutte coppie, tranne come detto l’alternativa di De Vrij. E, fortunatamente, mi stanno mettendo tutti in grossa difficoltà. Domani sull’esterno sinistro giocherà Gosens, su questo non ci sono dubbi. Sta lavorando ogni giorno coi compagni per migliorarsi sempre di più”.

“Ci e’ rimasta dentro l’ultima gara, ripartiamo da li”

“Deve essere un altro grande anno, siamo l’Inter e dobbiamo ambire al massimo. Abbiamo perso Perisic, ma ritrovato Lukaku. E abbiamo aggiunto giocatori molto funzionali come Bellanova, Asllani e Mkhitaryan. L’anno scorso, nonostante le premesse, abbiamo vinto due trofei e perso lo scudetto per soli due punti. Adesso le avversarie dirette hanno fatto molti acquisti, investendo tanto, ma sanno che l’Inter sarà in corsa per il titolo. Abbiamo analizzato e guardato la scorsa stagione, abbracciandoci diverse volte. Ci è rimasta dentro l’immagine dell’ultima partita, con il popolo nerazzurro che si è stretto intorno a noi tutti. Sarebbe stata una stagione stratosferica, ma il Milan in campionato è stato più bravo di noi”.

Leggi anche:  Inter-Barcellona streaming gratis LIVE e diretta tv Canale 5? Dove vedere Champions League

“22 gare da giocare fino a Novembre, stagione anomala”

“Inizio questo campionato con molte certezze, dopo un anno di lavoro con squadra e giocatori. L’anno scorso è vero che ereditavo un modulo che conoscevo, ma i giocatori erano per me nuovi. Domani sarà un match difficile, il Lecce è una neopromossa che avrà pubblico ed entusiasmo, i giocatori si conoscono e Baroni è un tecnico bravo e preparato. Per vincere dovremo dare il 100%. Inizio questa nuova stagione con orgoglio, per aver conquistato già due trofei qui a Milano. Con i ragazzi siamo stati una cosa unica, ma ora non bisogna guardare indietro. Sarà una stagione anomala, con 22 gare da giocare fino a Novembre, poi ci sarà il Mondiale e chi non ci andrà dovrà fare un secondo ritiro, mentre chi andrà sarà costretto ad affrontare una stagione con parecchie partite, soprattutto chi con la propria nazionale arriverà in fondo al torneo. Noi abbiamo fatto una preparazione molto intensa ma lo volevamo: domani vogliamo partire nel migliore dei modi“.

  •   
  •  
  •  
  •