Marco Russo (Dazn) a SN: “Il vero rivale del Napoli resta il Milan”

Pubblicato il autore: Enzo Palo

marco russo
SuperNews ha avuto il piacere di intervistare Marco Russo. Il giornalista di Dazn stupito dall’andamento clamoroso del Napoli prima della sosta, ci ha svelato cosa si aspetta alla ripresa del campionato. Marco Russo oltre a parlarci di calcio giocato, ci ha raccontato della sua passione per il videogame manageriale Football Manager.

Benvenuto Marco Russo. Manca poco alla ripresa del campionato. Secondo te la sosta ha dato più benefici al Napoli o alle inseguitrici?

Secondo me alle inseguitrici perché il Napoli aveva un rendimento perfetto, una macchina che stava facendo una corsa spedita senza alcun intoppo. Per gli azzurri fermarsi significa staccare le chiavi dal motore e spegnerlo. Per le altre squadre la pausa da il tempo di riprendere un po’ le forze, riorganizzarsi, recuperare qualche giocatore. Penso soprattutto alla Juventus con Chiesa che può tornare in condizione migliori e Pogba.

Leggi anche:  Zhang rischia il carcere, chieste anche le quote dell'Inter: una speranza per giugno

Dalla seconda alla quinta in classifica ci sono solo 3 punti di differenza. Una classifica corta che fino a oggi ha favorito la fuga del Napoli. Secondo te quale squadra può prevalere sulle altre e diventare il vero rivale degli azzurri?
Il vero rivale del Napoli resta il Milan, non solo perché è campione in carica ma anche perché è la squadra più organizzata e con maggiori certezze. Comunque sono veramente curiosissimo di vedere come ricominceranno Spalletti e il Napoli in generale, perché fino a oggi il rendimento è impronosticabile, tanto in campionato quanto in Europa.

C’è un calciatore che ai mondiali ti ha colpito particolarmente?
Fatico a trovartene uno solo perché di sicuro si sono visti tanti buoni centrocampisti, alcuni a livelli straordinari, come Tchouaméni che però già conoscevamo. Poi c’è Amrabat che ha fatto un mondiale fantastico e mi è piaciuto tanto Tyler Adams degli Stati Uniti. Anche se il mio giocatore preferito è stato Enzo Fernandez. Lo conoscevo da quando giocava nel River Plate e sarei stato curiosissimo di vederlo in Italia, quest’estate si parlava del Milan, e invece il Benfica è stato bravissimo a prenderlo. È un giocatore che dominerà la scena della nazionale argentina perché è un centrocampista che sa fare gol e sa rompere il gioco. Mi ricorda Mascherano nel modo di stare in campo e di interpretare il ruolo e mi piace tantissimo. Aggiungo anche Griezmann tra i giocatori che hanno fatto un mondiale fantastico, perché lo davo in leggero declino e invece è stato sempre tra i migliori in campo pur giocando in un ruolo diverso.

Leggi anche:  Inter, situazione difesa: Skriniar resta titolare? E intanto Becao...

Domanda off topic. Sei un giocatore di Football Manager, gioco che appassiona tanti appassionati di calcio. Quale squadra europea consiglieresti per intraprendere una bella carriera?
Si, sono un grande giocatore di Football Manager, mi piace tantissimo. Gioco dall’edizione 2001/2002 (quando ancora non si chiamava così). Guarda io fatico a dirti una squadra perché a me piace sempre partire dal basso e quindi inizio con squadre di Serie B, Serie C o addirittura da svincolato (roba da super-nerd del gioco) e aspetto che una squadra mi contatti. Quindi puoi finire ad allenare l’ultima del campionato ungherese, slovacco e cose del genere.

Un calciatore su cui puntare?
Punterei su Endrick che ha appena preso il Real Madrid perché è forte, forte, forte.

  •   
  •  
  •  
  •