Tudor: "Siamo sulla strada giusta. Questa vittoria la sento come la più bella di tutte perché dovevamo..."

Le dichiarazioni dell'allenatore della squadra biancoceleste dopo la vittoria casalinga contro il Verona con il risultato di 1-0, grazie alla rete di Zaccagni al minuto 72. Successo molto importante per i romani che in classifica si portano a 55 punti.

Questa sera allo stadio "Olimpico" di Roma" si è disputato il match Lazio-Verona, valevole per la 34.a giornata del campionato di Serie A, che ha visto la squadra capitolina vittoriosa per 1-0, grazie alla rete di Zaccagni entrato al 60'. Con questa vittoria i biancocelesti si portano a 55 punti, scavalcando momentaneamente l'Atalanta (54 punti) che ha due gare in meno (domani contro l'Empoli e il recupero contro la Fiorentina). Nel prossimo turno la Lazio sarà impegnata sul campo del Monza (sabato 4 maggio, ore 18).

Leggi anche:  Intervista esclusiva a Ighli Vannucchi: "Grande sfida tra Thiago Motta e Conte. L'Inter la più completa, avrei tenuto Pioli. Kvaratskhelia? Mi blinderei al Napoli..."

Tudor: le sue parole post partita

"Oggi Pedrito a sprazzi sembrava quello di Barcellona. Nel calcio conta tutto: siamo sulla strada giusta, manca poco e dobbiamo finire bene. Poi vedremo e tireremo le somme. Conta poco programmare: bisogna andare partita per partita. Dobbiamo preparare al meglio quella col Monza. Questa l'abbiamo preparata come una finale e sapevo sarebbe stata una partita così".

"Zaccagni sappiamo che valore ha. Si allenano tutti bene e li vedo anche divertirsi. Gli ho fatto anche i complimenti l'altro giorno. Tutti i punti sono preziosi. Questa vittoria la sento come la più bella di tutte perché me lo sentivo che dovevamo prepararla al massimo. I ragazzi sono stati bravi a rimanere sul pezzo".

"Siamo andati con Zaccagni e Felipe Anderson per stare più offensivi, poi abbiamo messo Hysaj. Luis Alberto l'ho sempre visto concentrato: è un giocatore a cui piace il calcio. Gli piace sentirsi importante e protagonista. La sua qualità negli ultimi 25 metri ce l'hanno in pochi. Rimarrà? Questa è una domanda per lui: poi c'è la società che è sopra tutti".