Avellino, Bidaoui torna con il Novara. Novellino a rischio in caso di sconfitta?

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui

Avellino, Novellino recupera Bidaoui per il Novara. Due punti nelle ultime quattro partite, 3 gol fatti e 6 subiti, una vittoria che manca da esattamente un mese. Numeri che spiegano da soli il momento che sta vivendo l’Avellino. I biancoverdi sono arrivati al confine della zona playout, con soli due punti di vantaggio sull’Entella. Il tutto alla vigilia di un ciclo terribile di partite. Walter Novellino predica calma, ma anche lui è sul banco degli imputati. L’allenatore di Montemarano contro il Venezia ha dimostrato di non avere le idee chiare su come uscire da questo momento di difficoltà. Continui cambi di modulo che non fanno altro che aumentare le incertezze di una squadra che sembra essersi smarrita. Il 2018 era cominciato bene, con la vittoria di Brescia. Contro le rondinelle erano stati decisivi Castaldo e Bidaoui, entrambi assenti nelle ultime partite.

Il belga-marocchino è quasi pronto al rientro. A tal proposito ha parlato Saia, preparatore atletico dell’Avellino:”Bidaoui sente ancora dolore al piede, contro il Novara però ci dovrebbe essere così come MorettiMigliorini ha un problema al ginocchio che va gestito, Castaldo probabilmente recupera contro il Bari. Cabezas non è rotto, aspettiamo solo l’ok e potremo averlo a disposizione”. Confortante il rientro di Bidaoui, che darà certamente più imprevidibilità ad un attacco che è sembrato piuttosto sterile ultimamente. Un reparto avanzato che ha ormai dimenticato i gol di Ardemagni. L’attaccante lombardo non riesce più ad inquadrare la porta, chissà che il Novara non risvegli il numero 9 biancoverde dal lungo torpore da cui non sembra riuscire a liberarsi.

Avellino, Novellino rischia contro il Novara

Quella di queste settimane è certamente il momento più difficile dell’era Novellino. Il tecnico biancoverde viene messo in discussione dai tifosi, che non riescono a capire i continui cambi di uomini e modulo. Il mercato e le assenze non hanno dato certamente una mano ai lupi. Ma non c’è tempo da perdere. La serie B non aspetta nessuno. Novara-Empoli-Bari-Salernitana-Pescara, un ciclo terribile di partite che potrà dare un’indicazione definitiva alla stagione dell‘Avellino. Si comincia sabato, al Partenio Lombardi, contro i piemontesi di Mimmo Di Carlo, squadra che vive un ottimo momento di forma. In più il Novara è quinta in classifica per quanto riguarda il rendimento esterno. Gli azzurri hanno conquistato 18 dei loro 31 punti lontano dal Silvio Piola.

Un elemento che deve mettere ancora di più in guardia Novellino e i suoi. Il Novara poi ha tra le sue fila un ex Benevento in un grande momento di forma: Puscas. L’attaccante romeno di scuola Inter ha segnato 5 gol nelle ultime tre partite, confermando la bontà dell’operazione fatta dai piemontesi. Un mercato invernale che fino ad ora non ha inciso quasi per nulla sul rendimento dell’Avellino. Il solo De Risio sta giocando con continuità, Morero ha fatto rimpiangere Migliorini a Venezia. Cabezas e Wilmots sono ancora degli oggetti misteriosi. Per Novellino l’acquisto più importante sarà il ritorno di Castaldo, che però mancherà certamente con Novara e Empoli. Due partite ravvicinate che possono decidere tanto per il futuro dell’Avellino. E anche di Novellino.

  •   
  •  
  •  
  •