Avellino, l’avvocato Chiacchio ci ripensa:”Il popolo irpino ha bisogno di me”

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui

Avellino, l’avvocato Chiacchio torna in sella. Altro colpo di scena nella vicenda Avellino-iscrizione al campionato di Serie B. Eduardo Chiacchio, storico legale dei biancoverdi ci ripensa e torna in campo. “E’ stata una scelta ponderata. Non avrei dovuto accettare, ma per la quarta volta di fila ho compiuto una scelta di affetto e sensibilità, non potevo voltare la faccia al popolo irpino nel momento di maggiore bisogno. C’è qualche spiraglio per spuntarla, ma il compito è molto gravoso. Non dimentichiamo che andremo a sfidare la Figc e partiamo con due sentenze sfavorevoli. E’ come se entrassi in campo all’ottantesimo minuto sul risultato di 0-2″.  Chiacchio parla anche delle tempistiche sull’esito del ricorso:”Il Collegio di Garanzia del Coni è la Cassazione e si pronuncerà già il giorno dell’udienza, probabilmente tra fine mese e inizio agosto”.

Avellino, le parole di Chiacchio prima del ripensamento

Avellino, l’avvocato Chiacchio alza bandiera bianca. Giorni complicati in casa biancoverde, a dir poco complicati. A oggi la squadra non è iscritta al campionato di Serie B 2018/2019 ed è stato esclusa dalla Coppa Italia. Il presidente Walter Taccone continua a professare ottimismo e si dice sicuro della partecipazione dei lupi al prossimo torneo cadetto. Bontà sua. Taccone in questi giorni è il protagonista di uno show che ogni giorno aumenta il veleno in corpo ai sempre appassionati tifosi biancoverdi. Negli ultimi anni l’Avellino ha sofferto le pene dell’inferno, tra salvezze miracolose e diversi procedimenti giudiziari. In questi frangenti il club irpino ha potuto contare su un vero top player, Eduardo Chiacchio. Ora anche lo stimato avvocato napoletano si tira fuori dalla mischia.

Leggi anche:  Dopo Machin e Sorensen, Sebastiani porta anche Odgaard a Pescara

La situazione è grave, difficilissima. E se devo esservi sincero, non me la sento di accompagnare l’Avellino al cimitero”. Sono le parole di Chiacchio, da sempre legale dei lupi, che stavolta non conosce ancora la propria volontà di difendere l’Avellino nell’ennesimo ricorso. “Bisogna conoscere bene le cose ed andare a fondo delle carte federali. Al momento non conosco nulla ma da quello che ho visto superficialmente la situazione non è facile. Mi spiace ma sapete quanto voglio bene a questa squadra”. Parole che hanno fatto aumentare l’allarme tra i tifosi dell‘Avellino. Una tifoseria che anche ieri è stata presente al Benito Stirpe di Frosinone a sostenere i lupi nell’amichevole pareggiata contro la Roma di Eusebio Di Francesco.

Avellino, Marcolini spera:”Ci giochiamo il futuro”

Chissà se quando ha firmato per l‘Avellino pensava di andare incontro a questa marea di problemi. Michele Marcolini si trova per le mani una squadra non iscritta al campionato di serie B e con il mercato fermo. Il tecnico biancoverde professa ottimismo:”A oggi siamo una X nel tabellone, ma siamo convinti che torneremo a mettere il nostro nome nel campionato, lo speriamo e me lo auguro. In questo progetto ci credo molto, mi piace confrontarmi con gli uomini: tutti quelli che lavorano per l’Avellino”.  Nel dopo Roma-Avellino ci sono state le lacrime di Castaldo e D’Angelo, bandiere del club irpino, sotto la cura dei tifosi biancoverdi.

Leggi anche:  Dopo Machin e Sorensen, Sebastiani porta anche Odgaard a Pescara

Una situazione drammatica quella dei lupi, con un solo grande colpevole: Walter Taccone. Il presidente biancoverde da mesi riempie i giornali di chiacchiere fumose, presunte vendite e progetti non realizzati. L’Avellino, ancora una volta, si trova ostaggio di una persona che non sta curando gli interessi del club,  ma solo quelli personali. Dopo un’altra salvezza miracolosa ci attendeva una svolta. Invece nulla. Dopo presunti illeciti, retrocessioni sfiorate, ci mancava la mancata iscrizione al campionato di Serie B. Tecnicismi a parte Taccone per una volta dica la verità e spieghi al popolo dell‘Avellino come stanno davvero le cose. I tifosi biancoverdi meritano se non altro una spiegazione sincera. Poi sarà quel che sarò perché l’Avellino continuerà, di Walter Taccone si perderanno le tracce. Almeno per quel che riguarda il calcio che conta.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: