Serie B: Bari e Cesena ufficialmente escluse dal campionato

Pubblicato il autore: Andrea Riva Segui

Foto Getty Images © scelta da SuperNews

La serie B 2018-2019 non vedrà ai nastri di partenza due squadre gloriose, infatti il Bari e il Cesena alla fine hanno dovuto abdicare per i troppi debiti accumulati che hanno impedito la loro iscrizione al campionato.

Per quanta riguarda il club pugliese che da l’addio al calcio professionistico dopo 110 anni, la salvezza era appesa all’ipotesi di investimento di Andrea Radrizzani, proprietario del Leeds in Inghilterra, e di Ferdinando Napoli, imprenditore barese e presidente di Edilportale.com S.p.A., società che gestisce l’omonimo portale dedicato all’edilizia diventato punto di riferimento nel settore.

I due in mattinata avevano le chieste le dimissioni del presidente Cosmo Giancaspro contestualmente all’invio del bonifico necessario per salvare il Bari, una richiesta avanzata per evitare che il patron biancorosso avrebbe avuto potere di firma una volta ottenuto il salvataggio della società, salvataggio che in realtà non è mai avvenuto  quando Radrizzani e Napoli hanno saputo della scoperta di nuovi debiti che li ha spinti a rinunciare definitivamente.

Leggi anche:  Telecronisti Serie B 6^ giornata: tutte le voci Sky e DAZN

Tutto ciò è avvenuta alle ore 15 di lunedì 16 luglio, a poche ore dalla scadenza per regolarizzare i pagamenti e presentare la documentazione per l’iscrizione; Radrizzani avrebbe dovuto versare 2,3 milioni di euro, mentre l’imprenditore locale Napoli 700 mila euro arrivando così ai famosi 3 milioni che mancavano per l’iscrizione al campionato.
Queste le parole del presidente del Leeds: “Purtroppo il poco tempo disponibile per eseguire una due diligence dettagliata e approfondita, consona a una operazione con un alto profilo di rischio, ci costringono a malincuore ad abbandonare questa idea e sfida. Auguriamo che la società possa essere salvata e restiamo disponibili a valutare future collaborazioni e investimenti“.

Intanto ieri sera davanti allo stadio San Nicola sono comparse scritte contro Giancaspro, mentre la figlia e il suo fidanzato sono stati costretti ad uscire dalla struttura scortati dalla polizia.
Sul fronte squadra che era partita sabato per il ritiro precampionato, oggi tutti i giocatori con la staff tecnico lasceranno il Trentino e nel giro di pochi giorni saranno svincolati.

Leggi anche:  Telecronisti Serie B 6^ giornata: tutte le voci Sky e DAZN

Per quanto riguarda il Cesena, che ormai da tempo era sull’orlo del baratro, non ha provato neanche a presentare ricorso dopo che la Covisoc aveva bocciato precedentemente la richiesta di iscrizione al campionato, aderendo all’istanza di fallimento avanzata dalla Procura della Repubblica di Forlì. L’udienza di fallimento è in programma il prossimo 9 agosto.
Ieri mattina c’è stato un ultimo tentativo disperato per recuperare i 6 milioni che mancavano con una banca d’affari inglese che da giovedì scorso si era mostrato interessata con una richiesta scritta a rilevare la società romagnola, ma purtroppo non c’è stato niente da fare e così finisce ufficialmente l’avventura del Cesena durata 78 anni e che ha visto i romagnoli partecipare nella stagione 1975-76 alla Coppa Uefa.

Anche qui nei prossimi giorni saranno tutti svincolati e alcuni dei quali già da alcuni giorni si stanno allenando in  club dove presto potrebbero andare a giocare.
Intanto il 20 luglio scade il bando indetto dal sindaco della città Paolo Lucchi per trovare qualcuno interessato a fondare una nuova società per poter ripartire nelle serie dilettantistiche, si spera almeno in Serie D.

Leggi anche:  Telecronisti Serie B 6^ giornata: tutte le voci Sky e DAZN
 
  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: ,