Calcio, Vicenza: i Berici in Serie B dopo 4 stagioni. L’euforia del presidente Rosso: “Oggi è un grande giorno”

Pubblicato il autore: Andrea Riva Segui

Alla fine il Vicenza ce l’ha fatta e ieri nel primo pomeriggio, quando il Consiglio Federale della Federcalcio ha ufficializzato le promozioni delle prime in classifica dei tre gironi, ha potuto festeggiare finalmente la promozione in Serie B.

Vicenza, promozione in Serie B dopo 4 stagioni

L’ultima avventura dei biancorossi nella serie cadetta risaliva alla stagione 2016-17, quando ci fu il 20° posto finale (su 22 squadre) e la retrocessione in Serie C con ben tre allenatori che si susseguirono in quell’annata sfortunata: Lerda (1^-8^ giornata), Bisoli (9^-36) e Torrente (37^-42^). Ma i tifosi del Vicenza gli anni seguenti hanno dovuto anche sopportare, prima la salvezza solamente ai playout contro i riminesi del Santarcangelo (2-1 al Menti, 1-1 in Romagna), e poi il fallimento del club con la fusione successiva insieme al Bassano, che rilevò i cespiti della vecchia società all’asta di liquidazione, cambiando denominazione in L.R. Vicenza Virtus S.p.A, grazie all’imprenditore padovano Renzo Rosso.

Leggi anche:  Emanuele Belardi a SuperNews: "La Reggina la porto nel cuore. Un sogno giocare alla Juventus. Donnarumma presente e futuro del calcio italiano"

Da qui è nata la rinascita del Vicenza, una delle piazze storiche di provincia del calcio italiano, e dopo un campionato concluso con l’eliminazione al primo turno preliminare dei playoff per mano del Ravenna, ecco finalmente la stagione del definitivo rilancio con alla guida tecnica l’ex indimenticabile Mimmo Di Carlo che ricordiamo ha vestito la gloriosa casacca biancorossa dal 1990 al 1999 (268 presenze e 9 reti) dove vestì anche i panni di capitano, per poi esserne allenatore per due stagioni (2001-2003).

Il tecnico di Cassino è riuscito subito a farsi amare dai giocatori e dall’ambiente forte anche della sua grande esperienza a Vicenza e con i suoi ragazzi ha disputato una grande annata che solamente l’emergenza Coronavirus ha bloccato sul più bello, ma nonostante ciò possiamo dire che la promozione alla fine è stata meritata nonostante mancassero da disputare ancora undici giornate perchè i berici sono stati la squadra più continua del girone B con 18 vittorie, 7 pareggi e solo 2 ko (a Piacenza e in casa contro il Padova) e soprattutto con una difesa imperforabile: basti pensare che sono state solamente 12 le reti subite (migliore difesa dell’intera Serie C), ma anche l’attacco ha fatto il suo con 41 gol realizzati (quarto del girone).

Leggi anche:  Emanuele Belardi a SuperNews: "La Reggina la porto nel cuore. Un sogno giocare alla Juventus. Donnarumma presente e futuro del calcio italiano"

Ora i tifosi biancorossi si aspettano un ottimo mercato dal loro presidente per cercare innanzitutto di mantenere la categoria, primo obiettivo per una neopromossa, per poi magari in un prossimo futuro aspirare ad un ritorno nella massima serie che manca a Vicenza dalla lontana stagione 2000-01 e che una piazza come questa meriterebbe.

Intanto Renzo Rosso ha voluto manifestare la sua grande euforia attraverso il profilo ufficiale del club, con queste parole: “E’ un grande giorno oggi, per noi e per tutto il territorio vicentino, finalmente siamo in Serie B. Il primo plauso va alla squadra che l’ha guadagnata sul campo, al mister e a tutta l’organizzazione che ha fatto un buon lavoro. Ci tengo a ringraziare tutti i miei soci che sono stati presenti e tutti gli sponsor che ci hanno aiutato in questa avventura. E uno degli applausi più grandi lo dedico a questo meraviglioso pubblico che ci ha dato grande energia per poter fare meglio e di più“.

Leggi anche:  Emanuele Belardi a SuperNews: "La Reggina la porto nel cuore. Un sogno giocare alla Juventus. Donnarumma presente e futuro del calcio italiano"

L’appuntamento ora è per il prossimo settembre per la nuova avventura in Serie B.

 

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: