Esposito, la prima gioia con la maglia della Spal!

Pubblicato il autore: Giuseppe Colicchia Segui

Spal-Pescara 2-0: Esposito entra e chiude il match!

Ottima prova da parte della Spal che supera per 2 a 0 il Pescara in questo ottavo turno del campionato di Serie B. La squadra allenata da Pasquale Marino ha voluto imporre il proprio gioco fin dall’inizio della partita, amministrando il possesso del pallone e cercando di ferire la difesa del Pescara (reparto abbastanza in emergenza per numerose assenze che hanno costretto Massimo Oddo ad utilizzare dei terzini in posizione di difensori centrali in una difesa a 3). La Spal comincia la partita con la coppia d’attacco composta da Di Francesco e Paloschi ma la prima grossa occasione da gol del primo tempo proviene dai piedi educati del centrocampista Salvatore Esposito che va vicinissimo al gol con una punizione dal limite che si infrange sull’incrocio dei pali. Al 28′ arriva il vantaggio della Spal grazie al colpo di testa di Salamon su corner. Sul finale del primo tempo si fa vedere il Pescara che colpisce la traversa con Asencio sugli sviluppi di un corner. Nella ripresa Marino prova a muovere un po’ le carte, inserendo Sala sull’esterno sinistro e Sebastiano Esposito in avanti. La partita diventa più “maschia”, aumentano i falli e le proteste dal campo e da bordo campo. I cambi di Oddo rendono il Pescara maggiormente pericoloso, così la Spal è chiamata a difendere il risultato. Sul finale, durante i minuti di recupero, arriva il raddoppio della Spal firmato da Sebastiano Esposito: il Pescara è sbilanciato e la Spal tenta il colpo di grazia ma il tiro di Esposito è inizialmente ribattuto dalla difesa avversaria, sul pallone arriva Valoti che fa una grande giocata, salta l’uomo e mette in mezzo il pallone per il tap-in di Sebastiano Esposito che a porta vuota non sbaglia e chiude la partita.

Leggi anche:  Inter, minacce dai tifosi: "La maglia che indossi va onorata"

Esposito: la gioia del suo primo gol con la Spal

Questa per Sebastiano Esposito, il ragazzo classe 2002 di proprietà dell’Inter, deve essere la stagione per diventare ufficialmente “grande”. Il prestito alla Spal ha proprio il fine di concedere al giovane attaccante di Castellammare di Stabia un maggior minutaggio rispetto a quello che avrebbe potuto avere tra le fila dei nerazzurri: mettere minuti importanti sulle gambe, fare esperienza e trovare il gol con maggior continuità. Tuttavia la pressione sul ragazzo è sempre stata tanta fin dall’inizio di questa stagione. Se sulla carta il ricco parco attaccanti della Spal, composto da attaccanti di livello come Floccari, Paloschi e Di Francesco, avrebbe dovuto aiutare il ragazzo ad inserirsi con i suoi tempi all’interno dei meccanismi di una nuova squadra e di un nuovo campionato, sulla pratica le responsabilità dell’attacco della squadra di Ferrara sono presto state affidate ai piedi di Esposito per via degli infortuni avuti da Paloschi e Floccari. In queste prime 7 giornate di Serie B non sono mancate le critiche per il giovane attaccante in prestito alla Spal: poco incisivo sotto porta, non una vera prima punta. Nel corso di questa partita contro il Pescara, Marino lo ha voluto “pescare” dalla panchina per incidere sul match ed il ragazzo di Castellammare di Stabia è finalmente riuscito a farlo. Gioia e sospiro di sollievo al momento del gol realizzato: Esposito segna ed esulta togliendosi la maglietta (venendo di conseguenza ammonito). Non un gol difficile da realizzare ma forse il più importante a livello emotivo e psicologico per un ragazzo che sta muovendo adesso i primi passi nel calcio dei grandi. Quello che si augurano i tifosi della Spal è che questo sia il primo di una lunga serie di gol da parte dell’attaccante.

  •   
  •  
  •  
  •