Crisi Modena, dopo l’ennesima sconfitta Pavan parla di “situazione terribile”

Pubblicato il autore: Andrea Malavolti

Il Santarcangelo, onesta squadra romagnola, batte per 2 a 0 (e sbaglia anche un rigore) un Modena che incassa l’ennesima sconfitta stagionale, in una crisi di gioco e di risultati che sembra non avere mai fine e in cui non si intravede nessuna luce in fondo al famoso tunnel. Ora la panchina di Simone Pavan (nella foto) è veramente appesa a un filo. Contro i riminesi i gialloblù hanno giocato una gara al limite dell’inguardabile, ivi comprese le ormai “classiche” amnesie difensive – culminate con l’espulsione del centrale Alberto Cossentino per somma di ammonizioni – che anche oggi sono costate due reti subite. A fine gara il tecnico canarino ha parlato in sala stampa: “La situazione è molto brutta, non lo nascondo. Nel primo tempo abbiamo creato poche occasioni, nella ripresa siamo letteralmente crollati. In questo periodo commettiamo troppi errori (non ce ne eravamo accorti, ndr) e li paghiamo subito. Ma voglio fare i miei complimenti al Santarcangelo che è stato bravo a sfruttare le nostre mancanze, i nostri sbagli e le nostre lacune. Io con il mio impegno tento sempre di dare qualche cosa di più, ma ultimamente non riusciamo a dimostrare nulla di buono, non siamo in grado di uscire da questa difficilissima situazione. La squadra non si sente giustificata e i miei giocatori non cercano alibi: conoscono bene le suddette mancanze, tra cui c’è anche il carattere (un fattore non certo d’importanza secondaria, ndr). La prestazione e gli errori commessi oggi non sono certo da noi”. Tenendo presenti le colpe del tecnico, questa squadra mostra delle carenze evidenti anche e soprattutto dal punto di vista qualitativo. Ecco la risposta dell’allenatore di Latisana (Udine): “Le scelte di mercato non competono alla mia persona (frecciatina indirizzata al direttore sportivo Luigi Pavarese? ndr), io devo raggiungere i miei obiettivi con la rosa che ho. Abbiamo degli evidenti problemi in fase offensiva (altra dichiarazione lapalissiana ndr), qualche azione la creiamo ma non c’è il giocatore con il killer instinct, quello che ci fa vincere le partite. In questa categoria secondo me è fondamentale avere un giocatore decisivo in zona gol. A inizio secondo tempo abbiamo avuto una bella occasione con Diakite, poi ci siamo ritirati, questo è un nostro grande problema caratteriale. Il Santarcangelo è stato bravo a sfruttare gli episodi a proprio vantaggio”.
Fine delle dichiarazioni rese alla stampa dal tecnico canarino, mentre monta la rabbia dei tifosi gialloblù – un centinaio presenti al Mazzola di Santarcangelo per incitare la propria squadra nonostante questa partita arrivasse dopo il pesante ko interno contro il Pordenone. Nella pagina Facebook del gruppo Orgoglio Canarino oggi si leggono commenti spesso irripetibili, tra cui un SENZA DIGNITA’ scritto a caratteri cubitali.
E siccome piove sempre sul bagnato, anche sul fronte societario non stanno mancando le complicazioni. Ieri abbiamo riportato integralmente il comunicato stampa sulla verifica dei conti scritto dall’ex portiere del Modena Marco Ballotta a nome della sua cordata, ma il presidente Antonio Caliendo, interpellato in merito, ha negato di aver concesso a eventuali compratori i documenti per una due diligence e di non avere trattative in corso con chicchessia. Staremo a vedere quello che accadrà nei prossimi giorni.image-678x381
    

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Serie C, dove vedere Juventus Next Gen-Vicenza: streaming LIVE e diretta tv Rai Sport?
Tags: