Raiola cerca squadre per Pogba: con Manchester United rapporto al capolinea?

Pubblicato il autore: Martina Gramaglia Segui

Fortemente voluto e adesso quantomai in bilico. Il futuro di Paul Pogba  al Manchester United sarebbe sempre più incerto, stando almeno alle indiscrezioni provenienti dall’Inghilterra. Ex Juventus, il centrocampista francese è ritornato all’Old Trafford, dopo la parentesi italiana, nell’estate 2016, in seguito a quello che prima di Neymar (222 milioni di euro dal Barcellona al Psg) e Mbappè (180 milioni dal Monaco al Psg) era passato alla storia come il trasferimento più oneroso del mondo del pallone: ben 105 milioni di euro, la cifra che i Red Devils avevano sborsato nelle casse del club bianconero.

Eppure dopo circa due anni e mezzo e tante belle speranze, lo stato d’animo del il giocatore non sarebbe dei migliori. Fin qui la stagione di Pogba non è stata delle più esaltanti: tra campionato e coppe, sia nazionali che europee, 27 presenze all’attivo e solo 3 reti. Un bottino magro per un centrocampista del suo calibro, su cui pesano gli svariati problemi fisici avuti tra settembre e novembre, una squalifica di tre giornate e performance non sempre brillanti dello United. Il rendimento del francese sarebbe stato anche condizionato dalle scelte tattiche del tecnico Josè Mourinho, alle quali non sempre sarebbe riuscito ad adattarsi, esprimendo tutto il potenziale che negli anni a Torino lo hanno reso uno dei calciatori più ambiti nel panorama internazionale.

Leggi anche:  Haaland-Juventus, il padre del norvegese: "Ecco perché mio figlio rifiutò i bianconeri"

E ad alimentare le voci di un possibile addio del centrocampista di Lagny-sur-Marne alla casacca dello United ci sarebbe anche il suo agente Mino Raiola. Secondo quanto rivela il tabloid britannico Mirror, il procuratore avrebbe già iniziato a sondare l’effettivo interesse per il proprio assistito di alcuni prestigiosi club europei, dei quali non è stato, però, rivelato il nome. Il tutto a dispetto del vero obiettivo di Pogba: dimostrare alla dirigenza dei Red Devils che non è stato un errore aver puntato su di lui. Sempre stando al Mirrror, infatti, il francese sarebbe pienamente consapevole di giocare per uno dei club migliori al mondo e per un allenatore come lo Special One, vincente e ambizioso.

Al momento rimangono solo indiscrezioni, ma il comportamento di Raiola agita i sonni del tecnico portoghese e della tifoseria: sarà davvero l’inizio di un “c’eravamo tanto amati?”.

  •   
  •  
  •  
  •