Torino, Cairo chiude ancora al Milan: “Belotti resta”. I rossoneri continueranno a provarci

Pubblicato il autore: Martina Gramaglia Segui
TURIN, ITALY - DECEMBER 16: Andrea Belotti of Torino FC in action during the Serie A match between Torino FC and SSC Napoli at Stadio Olimpico di Torino on December 16, 2017 in Turin, Italy. (Photo by Francesco Pecoraro/Getty Images)

Andrea Belotti – Foto Getty Images © scelta da SuperNews

Il Torino ripartirà da Andrea Belotti. Parola del presidente della società Urbano Cairo. Nelle scorse settimane le voci di un possibile trasferimento dell’attaccante a Milano, sponda rossonera, avevano agitato gli animi dei tifosi granata. Il tecnico del Milan Rino Gattuso avrebbe individuato proprio nel Gallo il rinforzo giusto per una squadra che quest’anno, in avanti ha incontrato non poche difficoltà. Infatti, nonostante i 63 milioni spesi tra gli acquisti di André Silva e Nikola Kalinic, il reparto offensivo rossonero ha spesso faticato, in preda al lento e complicato adattamento dei nuovi arrivati e a qualche problema fisico insorto durante il corso della stagione.
Gattuso sarebbe ben lieto di ritrovare il giocatore che ha già allenato durante la breve esperienza sulla panchina del Palermo, ma molto dipenderà dalla sentenza Uefa in merito alla clausola rescissoria fissata a 100 milioni di euro e al momento, valida solo per l’estero. Ma se dovesse arrivare un club italiano con una simile offerta, difficilmente il Toro potrebbe rifiutare. Inoltre la volontà del giocatore potrebbe risultare determinante per la riuscita dell’affare.

Tuttavia, a placare i facili entusiasmi rossoneri ci aveva già pensato il direttore sportivo del Toro, Gianluca Petrarchi, che ai microfoni di Premium Sport, aveva allontanato l’ipotesi di una cessione del calciatore, ribadendo l’intenzione di trattenerlo: “Su Belotti non c’è ancora nulla di certo. Però è il nostro capitano nonché punto di riferimento. Faremo di tutto per farlo restare e per ripartire da lui”. Dunque massima chiarezza da parte del dirigente granata, ripresa e ribadita dal presidente Cairo, ospite alla trasmissione Radio Anch’Io Sport, in onda su Radio 1.

Cairo ha sottolineato la necessità di tornare sul mercato, ingaggiando qualche nuovo giocatore, ma senza snaturare l’essenza della squadra e soprattutto ripartendo da un binomio importante, quello Mazzarri-Belotti: “Faremo riferimento alle idee del mister per individuare i giusti innesti: ne abbiamo bisogno un paio. Sarà lui a darci le indicazioni migliori per capire chi tenere e chi far andare via. Comunque riprenderemo non solo dall’allenatore e da Belotti, ma anche da altri giocatori che hanno fatto bene o da coloro che sono più motivati a vestire ancora questa maglia. Avere uomini motivati anche se meno bravi di altri significa tantissimo. Ogni volta che trattieni un giocatore controvoglia, l’anno successivo renderà molto meno”. Parole che sembrerebbero spazzare dunque qualsiasi assalto da parte dei rossoneri, ma che lascerebbero ancora un briciolo di speranza. Infatti, vista la notevole importanza che per il presidente Cairo riveste la volontà del singolo, potrebbe proprio essere quella la chiave di volta. Secondo questa prospettiva, c’è da giurarci che il Milan tornerà ancora una volta alla carica, magari con un’offerta irrinunciabile e provando a strappare il ‘sì’ del Gallo, che nonostante un’annata opaca e poco concreta, penalizzata anche dagli infortuni, rimane l’obiettivo numero 1 per la sessione estiva di mercato.

Intanto Cairo si coccola il proprio gioiellino, consapevole di una stagione poco esaltante di tutto il gruppo, ma già ottimista per il futuro: “L’inizio non è stato quello che auspicavamo, abbiamo perso troppi punti che hanno pregiudicato l’accesso all’Europa. Non è andata come volevamo, ma dobbiamo pensare a ciò che verrà con maggiore determinazione di prima”. 

  •   
  •  
  •  
  •