Milan, il tesoretto per il mercato sarà di circa 150 milioni di euro. Ecco la strategia del club

Pubblicato il autore: FraNas Segui
MILAN, ITALY - NOVEMBER 23: AC Milan Sportif Director Massimo Mirabelli looks on before the UEFA Europa League group D match between AC Milan and Austria Wien at Stadio Giuseppe Meazza on November 23, 2017 in Milan, Italy. (Photo by Marco Luzzani/Getty Images)

Foto Getty Images © selezionata da SuperNews

Salutata la parentesi cinese, il Milan nelle mani di Elliott è pronto a iniziare una nuova fase della sua storia. Tutti i tifosi sperano che da questo momento in avanti si possa tornare a parlare solamente di campo, mercato, moduli e giocatori da sognare e desiderare. A questo proposito è già possibile ipotizzare la somma a disposizione del Milan per cercare di migliorare la squadra di Gattuso da qui alla fine della sessione estiva di calciomercato. Tra liquidità di Elliott e cessioni in programma si dovrebbe arrivare a una somma di circa 150 milioni di euro. 

Kalinic, Bacca, Bertolacci, Antonelli, Josè Mauri, Locatelli e uno tra Andrè Silva, Suso e Bonucci (per il difensore serve però una di quelle offerte che non si possono rifiutare). Senza dimenticare i milioni incassati dagli obblighi di ricatto di Lapadula dal Genoa e di Niang dal Torino. Più un aiuto da parte di Elliott. Ecco da dove potrebbero arrivare i milioni necessari a Mirabelli, se sarà ancora lui il direttore sportivo del club, per provare a regalare a Gattuso quelle tre pedine chieste ormai da settimane dall’allenatore per provare a fare un salto di qualità nella prossima stagione.

Elliott nel comunicato ufficiale post assemblea dei soci e Cda a Casa Milan si è già detto pronto a calcolare un nuovo budget per migliorare la competitività della squadra e puntare ai primi quattro posti nel prossimo campionato. Adesso tocca a Mirabelli riuscire a concludere le cessioni elencate poco sopra nel minor tempo possibile per poi affondare con decisione per i colpi in entrata. Alcune situazioni, su entrambi i fronti, sembrano essere più avanti di altre. Su tutte quelle di Kalinic, all’Atletico Madrid e di Badelj in entrata a parametro zero. Un indizio sulla situazione in casa Milan potrebbe essere la partenza o meno di Mirabelli insieme alla squadra per il giro di amichevoli degli Stati Uniti. Difficile fare previsioni, meglio attendere gli eventi che come ha dimostrato l’ultimo anno e mezzo in casa Milan spesso possono essere inattesi e imprevisti.

  •   
  •  
  •  
  •