Supermercato Inter: un altro big vicino all’addio?

Pubblicato il autore: Giuseppe Visco Segui

In casa Inter non c’è pace. Dopo l’improvviso addio di Antonio Conte e le insistenti voci su Hakimi al PSG sembra che anche un altro intoccabile sia diventato oggetto del desiderio delle big europee: Bayern Monaco e Atletico Madrid sarebbero pronte a fare follie pur di avere Nicolò Barella.

Barella capitan futuro?

Il centrocampista neroazzurro, arrivato dal Cagliari due stagioni fa, è riuscito ad imporsi come uomo decisivo per l’Inter. Dopo lo scetticismo iniziale legato alla cifra pagata dall’Inter – 45 milioni divisi fra prestito iniziale e riscatto, bonus compresi – Nicolò ha smentito tutto risultando uno dei migliori centrocampisti della squadra. E non solo in Italia, ma anche a livello europeo. Il classe 97′ vanta già 67 presenze e 4 reti con l’Inter e 97 presenze condite da 7 reti col Cagliari. Barella è stato uno degli uomini chiave per la vittoria dello scudetto – vedasi gol contro la Juventus – ed è uno dei papabili come capitano futuro. Handanovic potrebbe essere sostituito – con Musso? – e Nicolò potrebbe ereditare la fascia di capitano da Samir.

Leggi anche:  Napoli: il rinforzo per Spalletti arriva dal Sassuolo!

Lascio o raddoppio?

Per Barella c’è la fila: Bayern Monaco e Atletico Madrid su tutte. I bavaresi hanno bisogno di un calciatore con le caratteristiche di Barella e sono già pronti ad offrire ai neroazzurri 65 milioni di euro. Stesso discorso per la squadra di Simeone che cerca un po’ di fosforo a centrocampo e avrebbero individuato in Barella l’uomo adatto. Dalla Spagna si parla di un’offerta di 50 milioni più il cartellino di un ex Inter, Kondogbia. Per ora, da Milano la risposta è stata la stessa: un no secco. Dopo le voci legate all’addio di Hakimi – direzione PSG per una cifra vicina agli 80 milioni di euro – e gli interessamenti di City e Real per Bastoni e Lukaku, perdere un uomo decisivo come Barella sarebbe un boccone amaro da digerire per i tifosi. Molto dipenderà anche da Simone Inzaghi che, fra oggi e domani, dovrebbe essere ufficializzato.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: