Colpo di scena Inter, il portoghese non va più via?

Pubblicato il autore: Giuseppe Visco Segui

In casa Inter la questione cessioni è al centro delle discussioni. I problemi finanziari di Suning sono evidenti e la società sta cercando a tutti i costi di cedere calciatori per fare cassa. I grandi nomi sono noti: Hakimi e Lautaro Martinez. Per il marocchino l’Inter sembra ormai un capitolo chiuso e su di lui ci sono Chelsea e PSG. Gli inglesi hanno presentato un’offerta da 50 milioni più contropartite tecniche (Marcos Alonso e Zappacosta), i parigini 70 milioni cash, bonus compresi. In caso Leonardo aumentasse di 5 milioni l’offerta, si potrebbe considerare affare fatto. Nel frattempo spunta la grana Joao Mario. Attualmente in prestito allo Sporting Lisbona, per lui si sta complicando l’affare.

Joao Mario: arrivederci o addio?

Il portoghese era sicuro della cessione fino a due settimane fa. Lui era contento dello Sporting e lo Sporting di lui. L’accordo fra le società anche, sembrava tutto fatto: 7,5 milioni di euro. Poi lo Sporting decide di giocare al ribasso e offre ai neroazzurri 4,5 milioni di euro, per poi alzare a 5 milioni l’offerta poco dopo. Comportamento, quello dei portoghesi, che indispettisce l’Inter. Nel frattempo a Milano arrivano notizie dalla Spagna e dalla Francia con l’interessamento di Villareal e Nizza, entrambe disposte a firmare un assegno da 7,5/8 milioni di euro.
La delusione di Joao Mario nei confronti dello Sporting Lisbona è forte al punto che, nelle ultime ore, sembrerebbe essersi offerto ai rivali del Benfica. E questi ultimi hanno risposto positivamente, contattando già i neroazzurri e proponendo loro un assegno da 8 milioni di euro. Ad oggi il portoghese è sempre più lontano dallo Sporting che gli aveva promesso di riscattarlo, per poi giocare al ribasso. Le possibilità di vederlo ancora in Portogallo sono sempre più alte. Ma, questa volta, con la maglia del Benfica. Per il classe 93′, di origini angolane, è pronta una nuova avventura in terra lusitana.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Juventus, idea serba per la difesa