Valentino Rossi: “Mi manca la Yamaha M1” e sul futuro…

Pubblicato il autore: Mario Nuvoletto Segui


E’ stato ufficializzato il Mondiale 2020 della MotoGp che partirà il 19 luglio da Jerez. Il nuovo calendario del Motomondiale prevede una seconda tappa il 26 dello stesso mese. Poi Repubblica Ceca, Austria quindi San Marino, per altre due gare di fila. Confermando le voci di questi mesi, il massimo campionato motociclistico, si appresta a tornare in pista nello spazio di un mese. Valentino Rossi, campione italiano, ha commentato soddisfatto il nuovo calendario per il mondiale: “Aver visto il calendario della nuova stagione mi ha emozionato, credo sia stato così per tutti. È stato un grande sollievo per team e tifosi“. “Il lockdown è stata una situazione delicata e strana, ma ha funzionato e mi ha fatto apprezzare ancora di più le corse. Mi mancava molto la mia Yamaha M1” afferma Valentino Rossi. Il campione pesarese poi ha continuato poi fissando gli obiettivi: “Sarà interessante vedere il nostro livello, è passato un po’ di tempo dall’ultimo test. Proveremo di sicuro a dare il massimo per essere di nuovo davanti a tutti e dare ai nostri fan un motivo per seguirci e tifare per noi“.

Leggi anche:  Ferrari, le parole di Sainz dopo la qualifica

Per il calendario completo visita il sito della MotoGp: www.motogp.com/it/calendar

Il futuro di Valentino Rossi

Intanto pian piano si delinea il futuro di Valentino Rossi che, sicuramente, non ha ancora intenzioni di appendere il casco al chiodo e dire addio alla MotoGp. Sempre più insistenti le voci che lo vogliono in Petronas per la prossima stagione e a confessarlo è Alessio Salucci, chiamato anche Uccio, responsabile dell’Academy VR46, e amico del pilota italiano, che ai microfoni di Sky ha svelato il futuro di “The Doctor“: “La nostra intenzione è quella di andare avanti anche nel 2021. Il team è Petronas, non è un team ufficiale, ma avremo una moto factory. Loro sono strutturati bene, poi c’è la Yamaha a supportarci e con la quale abbiamo un ottimo rapporto. Avremo anche Franco probabilmente. Non è ancora tutto definito, si vedrà a fine mese” ammette Uccio. Dubbi invece sulla squadra che affiancherà Valentino Rossi in questa avventura: “Ne parleremo poi con Yamaha, della squadra non ne abbiamo ancora parlato, anche perché Vale ha voluto pensare se continuare o meno. Definiremo i dettagli nei prossimi dieci giorni“. Altra notizia importante è che come compagno di squadra, Rossi, troverà Franco Morbidelli, pilota classe ’94, cresciuto nell’Academy VR46: “Speravo un giorno arrivasse in MotoGP, abbiamo iniziato con lui che aveva 18 anni. Finalmente ci è arrivato ed è nostro compagno di squadra. Con la Petronas siamo in dirittura d’arrivo, la strada è definita. Abbiamo fatto delle sessioni di test in queste settimane e Vale e Franco hanno girato insieme, c’è molto feelling perché è un’amicizia vera. Franco è un ragazzo fantastico” conclude Alessio Salucci.

  •   
  •  
  •  
  •