F1 Vettel sul divorzio dalla Ferrari: “I soldi non sarebbero stati un problema”

Pubblicato il autore: Francesca Manes


Ieri, Sebastian Vettel è stato ospite della trasmissione “Sport&Talk” sul canale televisivo austriaco “ServusTv“, di proprietà della Red Bull, insieme a Christian Horner, Max Verstappen e Pierre Gasly. Durante l’intervista, il pilota Ferrari è tornato a parlare del suo mancato rinnovo con la Scuderia di Maranello fornendo la sua versione dei fatti. Dopo le pungenti dichiarazioni rilasciate in conferenza stampa giovedì scorso, Vettel ha voluto raccontare con più dettagli cosa è accaduto e smentire alcuni rumors che erano circolati nei mesi scorsi. Il pilota tedesco si è così espresso a proposito del divorzio dalla Ferrari.

“Accetto la decisione senza problemi. Nonostante questo continuerò a fare il mio lavoro e, al contrario di questo weekend, cercherò di fare del mio meglio per il team in modo da concludere bene. Non penso che il Coronavirus abbia influito. Ci sono state anche delle voci sul fatto che non fossi d’accordo sulla parte economica: non era un problema e non lo sarebbe stato. Se sei stato in questo ambiente per tanto tempo, hai avuto successo e ottenuto un’indipendenza, di sicuro non dovrebbe essere un ostacolo”.

Impossibile non cogliere il riferimento al Covid-19 che il team principal Ferrari, Mattia Binotto, aveva indicato come momento determinante che avrebbe portato alla decisione di non procedere al rinnovo del contratto di Vettel. Inoltre, il pilota Ferrari ha chiarito che dietro al mancato rinnovo non ci sarebbero ragioni economiche come era trapelato nelle settimane passate.

F1, Vettel sui suoi anni in Ferrari: “L’obiettivo era ricostruire il team, ma abbiamo fallito”

Poi, Sebastian Vettel ha tracciato un bilancio dei suoi anni in Rosso tra speranze iniziali, obiettivi, titoli mancati e fallimenti. “Credo che gli ultimi cinque anni non abbiano portato ciò che entrambi speravamo. L’obiettivo era ricostruire il team, entrambi abbiamo fatto del nostro meglio, ma alla fine abbiamo fallito perché non abbiamo vinto il titolo. Ma credo ancora che poteva esserci un opzione per continuare a lavorare per raggiungere quell’obiettivo”.

A proposito della mancata offerta Vettel ha affermato che non c’è stata alcuna proposta da parte del Cavallino Rampante:

“Mi era stato detto che volevano che continuassimo insieme. Poi, così dal nulla, ho ricevuto una telefonata nella quale mi è stato comunicato che non ci sarebbe stata un’offerta e quindi non ci sarebbe stato un futuro insieme. Dopo aver ricevuto la notizia ho chiamato Helmut Marko. Non perché volessi negoziare un contratto con lui, ma per avere un consiglio perché con lui mi sono sempre trovato bene. Gli ho spiegato la situazione.”

F1 | Vettel: “Futuro? Vorrei trovare qualcosa che mi renda felice, l’aspetto economico non mi interessa”.


“Questa situazione per me è del tutto nuova. Vorrei trovare qualcosa che mi renda felice, l’aspetto economico non è importante. Ma sono competitivo, il motorsport è la mia vita. Con il giusto ruolo, la giusta posizione potrei sentirmi ancora a casa dentro una monoposto. Le prossime settimane e i prossimi mesi mi faranno capire cosa sarà possibile fare e cosa farò. E’ importante trovare un ambiente che faccia al caso mio. Per molti aspetti mi sono divertito in questi cinque anni, ma sono stati anche cinque anni che hanno richiesto molta energia”.

Su un suo possibile ritiro Vettel non ha voluto sbilanciarsi troppo.

“Se decidi di chiudere la porta non devi farlo con la speranza di riaprirla, a meno che non sia chiaro fin da subito. Credo che si debba essere convinti di volerla tenere chiusa e quindi di non dover rimpiangere la decisione presa”.

  •   
  •  
  •  
  •