WSBK 2020 Jerez, Redding: ‘Il mio obiettivo è il titolo’

Pubblicato il autore: Fosco Taccini Segui

Scott Redding del team Ducati-Aruba nel tracciato andaluso di Jerez de la Frontera ha trionfato sia in Gara 1 che in Gara2. Mentre Jonathan Rea è apparso un po’ in difficoltà in questo weekend di ripresa del Mondiale SBK dopo lo stop imposto dalla pandemia Covid-19. La settimana prossima si tornerà a gareggiare sul tracciato portoghese di Portimao.

Il Round di Jerez de la Frontera
In questo weekend sul tracciato andaluso oltre alle elevate temperature, alcuni piloti hanno riscontrato problematiche all’avantreno. Le moto Ducati sembrano aver trovato il migliore assetto e, infatti, in Gara 2 due Panigale V4R Aruba.it hanno conquistato i primi due gradini del podio: primo Redding e secondo Davies. Terzo Toprak Razgatlioglu su Yamaha. In quarta posizione è arrivato Michael Ruben Rinaldi del team Go Eleven sempre su Ducati.

Le impressioni di Scott Redding
Il pilota inglese della Ducati-Aruba ha affermato di essere “molto contento per i risultati ottenuti”. Redding ha detto di essere contento anche per “il team” che gli ha fornito “una grande moto per queste condizioni” e farlo “guidare al meglio”. Scott ha confermato che insieme al team ha fatto in questo weekend “un grande lavoro”. In Gara 2 l’alfiere del team Ducati-Aruba era sicuro di avere il passo per vincere. Infatti, ha ammesso di essersi subito “sentito bene con la moto”, e perciò di essere “scappato via subito riuscendo a fare” i suoi tempi durante la gara.
Alla domanda se il titolo è uno degli obiettivi, Scott ha affermato che: “Il titolo è l’obiettivo, nient’altro”. Il pilota, molto contento per aver regalato alla Ducati due vittorie ha confermato di essere “arrivato qui per cercare di vincere il titolo”. Redding ha, infine detto che si è “sentito bene anche con le alte temperature, il team è felice per la doppietta con Chaz e non vedo l’ora della prossima gara”.

  •   
  •  
  •  
  •