Jonathan Rea lascia la Kawasaki, è ufficiale

Da tempo giravano voci in Superbike sull'addio di Jonathan Rea alla Kawasaki, quest'oggi in un comunicato del team KRT arriva l'ufficialità. A fine stagione il 6 volte campione mondiale dal 2015 al 2020 approderà in un nuovo team, tre i nomi possibili per la sua sostituzione.

SBK Jonathan Rea

Infine l'ufficialità è giunta, da tempo circolavano voci nei paddock che vedevano Jonathan Rea, il 6 volte campione (di fila) della Superbike, lasciare la Kawasaki ma nessuno (o quasi) gli aveva dato importanza.

Purtroppo negli ultimi tempi le cose non andavano per il verso giusto e il rapporto fra il pilota e il suo team stava via via logorandosi, Rea iniziava ad apparire insoddisfatto e fortemente limitato nel mostrare il suo talento.

Se da un lato si chiude una favola, quella fra Jonathan Rea e la Kawasaki in SBK, dall'altra si apre quello che potrebbe essere l'inizio di una nuova fantastica avventura che vedrà il nordirlandese salire sulla Yamaha R1 ormai priva del suo pilota Toprak Razgatlioglu.

Kawasaki senza Jonathan Rea, i possibili sostituti

Per un (grande) pilota che lascia altri arriveranno, ma quali sono i nomi dei possibili sostituti che avranno l'arduo compito di non far rimpiangere Jonathan Rea?

I possibili nomi sono ben tre:  Axel Bassani, Michael Ruben Rinaldi e Scott Redding; In queste ore sono in corso le trattative che vedono coinvolti non soltanto il team KRT ma anche squadre e sponsor dei piloti indicati.

Qualcuno azzarda anche delle percentuali, nonostante il nome potrebbe uscire fuori nell'arco di qualche giorno. Si parla di Bassani con il 55% di probabilità, a seguire Rinaldi con il 30% e infine Redding con il 15%.

Queste le parole di Jonathan Rea

“Voglio ringraziare tutti in KMC e KRT per aver creduto in me e per avermi dato l'opportunità di mettermi alla prova ai massimi livelli. Ho imparato e sono cresciuto tanto, come persona e come pilota, fin dal primo giorno in cui sono salito sulla Ninja ZX-10R ufficiale”.

Al team KRT va comunque segnalato un merito speciale, quello di aver lasciato libero di andare Jonathan Rea, in quanto il contratto lo vedeva legato al team fino alla fine del 2024. Non vediamo l'ora di vedere il 6 volte campione della Suberbike in sella alla sua nuova moto.