F1, cambia la sede dei test invernali

Pubblicato il autore: Simone Pietro SF98 Segui

Con il GP di Melbourne sempre più in dubbio, il calendario di F1 per il Mondiale di quest’anno sembra ormai destinato a mutare pesantemente. Lo stesso Jean Todt, presidente della FIA, ha sottolineato che il Covid influenzerà le principali competizioni sportive anche nella prima metà del 2021, comprese ovviamente le attività del Circus.

È dato ormai per certo che il GP d’Australia sia prossimo alla posticipazione a causa delle restrittive norme anti-Covid adottate dal governo del Paese oceanico, destinato a essere collocato nella seconda metà di campionato, ma è chiaro che tale cambiamento non sia l’unico a sconvolgere i progetti pianificati dalla F1: con il rinvio della gara dell’Albert Park, il primo GP della stagione 2021 diventa quello del Bahrain, programmato per il 28 marzo, una settimana dopo rispetto al GP d’Australia.

Leggi anche:  Gp Imola, Hamilton: "Vogliamo vincere..."

La pista di Manama era stato proposta anche per sostituire il tracciato di Montmelò come sede dei test pre-stagionali, ma i team avevano declinato tale offerta per via delle difficoltà logistiche, legate alla volontà delle squadre di tornare alle rispettive fabbriche (situate tutte in Europa) al termine delle prove invernali prima di iniziare il lungo viaggio per Melbourne; con lo slittamento della trasferta australiana cambiano completamente le carte in tavola, perché la possibilità di svolgere sia i test sia la tappa inaugurale sul circuito di Al Sakhir comporta una serie di vantaggi per le squadre, tra cui quello di poter evitare il rientro in sede e rimanere nel Paddock del Bahrain International Circuit, dove potranno ultimare i preparativi delle monoposto prima delle prime FP1 dell’anno. Come si apprende da Motorsport.com, inoltre, lo svolgimento dei 3 giorni di test sul circuito di Manama inizierebbe il 12 marzo, 10 giorni dopo rispetto alla data di Barcellona, fornendo ai team più tempo per poter lavorare sulle monoposto.

Leggi anche:  Gp Imola, Binotto: "Essere competitivi è un dovere...".

A tutto ciò va aggiunta l’efficienza delle misure anti-Covid, con le quali il Bahrain è riuscito a disputare ben 2 GP nel 2020; un insieme di benefici che permetterà quasi certamente al piccolo Regno mediorientale non solo di ospitare le prove invernali ma di riportare il GP inaugurale a Manama dopo 11 anni.

 

 

  •   
  •  
  •  
  •