F1, Gp del Bahrain. Sainz: “Sognavo la Ferrari da quando avevo 10 anni”

Pubblicato il autore: Alessandro Vescini Segui


Il nuovo pilota della Ferrari, Carlos Sainz, è pronto al debutto con la Rossa alla prima uscita del calendario di F1 2021 in Bahrain. Un campionato in cui non si può prevedere quale sarà il livello della scuderia di Maranello, visti i risultati dello scorso anno ma comunque tenendo conto del blasone e della disponibilità economica. Nonostante il suo precedente team, la McLaren, avesse deciso di puntare su di lui, affiancandogli il giovane Lando Norris, lo spagnolo non ha resistito alla chiamata del Cavallino Rampante. Il motivo è molto semplice. Come dichiara lui stesso infatti: “La Ferrari è diversa da tutte le altre, è un luogo molto speciale per ogni pilota di F1. Ho avuto il piacere di provarlo a 26 anni e voglio godermi questa opportunità che sognavo da quando avevo 10 anni”.

Le parole ci sono, ora contano i fatti

Il fascino di guidare una Ferrari è rimasto invariato e nel tempo. Ma a Carlos Sainz e al compagno Charles Leclerc ora spetta il compito di riportare in alto il nome della scuderia anche in termini di risultati. Dopo la stagione deludente appena passata, i tifosi si aspettano una macchina che possa competere almeno per il podio. Questione economica, il terzo posto costruttori garantisce una buona somma da investire sullo sviluppo della monoposto, ma anche di immagine. Sono passati ormai più di dieci anni dalla vittoria del campionato ma l’obiettivo minimo, ogni anno, della Ferrari è classificarsi tra le migliori tre vetture in griglia. Riguardo a questo Sainz assicura: “Per le opportunità che abbiamo avuto penso di aver fatto un buon lavoro per arrivare qui il più preparato possibile, mi sento pronto per provarci. Aver gareggiato in tre team in pochi anni credo che possa aiutare. Non c’è una regola precisa dipende dalla vettura e dalle esperienze che vivi nelle prime gare. Se hai un buon feeling puoi esprimerti ad un livello molto alto”.

  •   
  •  
  •  
  •