Leclerc carico: “Se ci sarà da lottare, non mi tirerò indietro”

Pubblicato il autore: Emanuela Francini Segui

Leclerc
Si scaldano i motori delle monoposto Formula 1. Questo weekend finalmente parte il Mondiale e tutti gli occhi sono puntati sulla Ferrari e sulla coppia Leclerc – Sainz. La coppia più giovane nella storia della Ferrari è chiamata ad un duro compito, ovvero riscattare lo scorso Mondiale fallimentare.

I tifosi della Rossa finalmente da domani potranno vedere all’opera la nuova vettura SF21. C’è molta attesa su quello che potrà essere la stagione del Cavallino Rampante ma i due piloti sono pronti a ridurre il gap con le altre scuderie. Obiettivo della stagione: riportare la Ferrari in alto e cancellare il sesto posto nella classifica Costruttori.

Leclerc: “Buona preparazione. Parola alla pista”

Tra i volti più attesi di questa stagione c’è sicuramente quello di Charles Leclerc. Il giovane pilota, classe 1993, nativo di Monte Carlo, è pronto a dare battaglia e far gioire i tifosi.
Insieme al compagno Carlos Sainz, ha parlato ai microfoni della prima conferenza stampa stagionale: “Siamo pronti. Abbiamo fatto solo tre giorni di test, il programma è stato completato e penso sia stata una buona preparazione. Ora parola alla pista.

Il giovane pilota di Monte Carlo, inoltre, ha commentato la nuova vettura. Qui ha indicato in cosa è migliore la SF21. “Il bilanciamento e il comportamento – ha detto il monegasco – in curva ingresso e uscita sono migliori, è in generale più semplice da guidare e i segnali positivi ci sono stati, ma è difficile dare un giudizio prima delle qualifiche, dove vedremo il nostro livello portando tutto al limite. Il motore? Stesso discorso, aspettiamo la qualifica per giudicare”. Leclerc è pronto a controllare la sua aggressività in pista, ma non troppo: “Credo che cercherò di scegliermi le battaglie – ha detto Charles – l’anno scorso per esempio sarebbe stato stupido lottare per tenere dietro una Red Bull, ma in altri momenti, se ci sarà da lottare per un risultato, non mi tirerò indietro.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Leclerc: "Il terzo posto era irraggiungibile"