MotoGp, date e circuiti: 7 gare su 12 si correranno in…

Pubblicato il autore: Alessandro Nidi Segui

La MotoGp ha voglia di riaccendere i motori, nel vero senso della parola. Lo stop forzato ai campionati sportivi imposto dalla pandemia di Coronavirus è stato ossequiosamente osservato, come d’altra parte era giusto che fosse. L’emergenza epidemiologica non può ancora dirsi conclusa, ma iniziano a intravedersi le possibilità per riprendere a gareggiare e inaugurare finalmente la stagione 2020, quella in cui Valentino Rossi andrà a caccia del riscatto, quella in cui gli spagnoli, Marc Marquez su tutti, saranno ancora una volta gli avversari da battere. Quest’anno, però, sarà ancora più dura: sì, perché, come se non bastasse il loro incontrovertibile talento sulle due ruote, gli assi iberici avranno un altro asso nella manica da poter calare non al momento giusto, ma addirittura per metà campionato.

MotoGp: 7 corse su 12 in Spagna?

Stando a quanto riporta il quotidiano spagnolo “Marca”, la Dorna avrebbe già predisposto un calendario fatto di date e circuiti e la novità consisterebbe nella volontà di disputare 7 gran premi su 12 in Spagna. Il primo di essi? A Jerez, naturalmente. Quando? Il 19 luglio, Covid-19 permettendo. Una settimana più tardi, invece, dovrebbe disputarsi il primo GP della storia in Andalusia. Prima di procedere con l’approvazione di tale programma, occorrerà ricevere il benestare del Ministero della Salute. Dorna, nel frattempo, ha già individuato le cautele da adottare: 14 giorni di quarantena preventiva per i piloti e paddock limitato a 1.300 persone, che saranno tutte sottoposte a test.

  •   
  •  
  •  
  •