Valentino Rossi, Carlo Pernat ironizza: “Lo chiamerei Bostik”

Pubblicato il autore: Mario Nuvoletto Segui

Ormai non si fa altro che parlare del futuro di Valentino Rossi in MotoGp. La stagione deludente del campione italiano ha gettato dubbi sul suo futuro. Sono tantissimi gli addetti ai lavori che consigliano al ragazzo di Tavullia di lasciare le corse. Il manager della MotoGp Carlo Pernat a MotoG-Podcast è tornato a parlare di Rossi: “Lui ha sempre corso per divertirsi, la moto è la sua Disneyland. Si sta rendendo conto che non si diverte più, ma si allena moltissimo. Va al ranch, gira… si fa un mazzo tanto. E va ancora forte, a lui non si può dire niente. Ha una voglia di rimanere lì che lo chiamerei Bostik. Il problema è che ha 42 anni e gli altri ne hanno 20, a 20 anni ragioni col polso e non con la testa, mentre quando ne hai 42 comanda la testa e non il polso. Inconsciamente qualcosa perdi, perché la testa non ti fa rischiare e il polso segue“.

Pernat: “A Misano annuncio di Valentino Rossi”

Un ritiro che porrebbe fine ad una incredibile carriera, in cui The Doctor ha fatto sognare milioni di fan. Fino ad ora era stato indeciso se lasciare questa stagione o terminare nel 2022, magari avanti al pubblico. Questo perché un campione come lui non può dire addio senza l’abbraccio del suo pubblico che da sempre lo ha accompagnato in ogni gara. Secondo Pernat, però, Valentino farà un annuncio a Misano: “Io sono convinto che a Misano darà l’annuncio in cui dirà che il prossimo anno non corre. Ne sono straconvinto perché è un ragazzo intelligente. Penso che lo dirà a Misano perché siamo in Italia. È chiaro che si apre la finestra della Petronas, sempre che rimanga con la Yamaha“.

Il suo addio avrà ripercussioni nel motomondiale: “Lui ha portato a vette altissime nel motomondiale… La sua forza, la sua simpatia, il suo modo di comunicare… E la mossa che ha fatto adesso con Aramco è una cosa che non fa nemmeno una casa costruttrice, quindi ha già vinto la coppa del mondo del Team Manager, senza contare la VR46 con due titoli mondiali piloti. Il cerchio è meraviglioso“.

  •   
  •  
  •  
  •