Maret Grothues:”Con Guiggi e Lo Bianco ricordo grandi battaglie in Nazionale”

Pubblicato il autore: Christian Vannozzi Segui

Maret GrothuesSi tratta sicuramente della pallavolista più attesa in questa giornata di campionato, parliamo di Maret Grothues capitano della nazionale olandese di Guidetti e neo acquisto del Casalmaggiore volley che dopo la partenza della Pavan e della Zhang punta tutto sulla schiacciatrice orange per dare la svolta decisiva a una stagione iniziata malissimo e che il pubblico del PalaRadi sogna di vedere almeno con una flessione verso l’alto.

“L’ultima settimana è stata un po’ incasinata e magari non mi sarò goduta a pieno le festività, perché è cambiato tutto abbastanza in fretta ma la prima impressione è più che positiva: mi sono subito trovata con le compagne, lo staff e pure la cittadina mi piace”. (Intervista riportata dal sito www.gazzetta.it).

Si tratta di una Grothues pimpante e pronta a dare il meglio di se quella approdata a Cremona tra le fila della Pomì Volley, che promette al suo nuovo pubblico faville esordendo con la frase “Vedrete la vera Grothues” e lanciando segnali di stima alle avversarie in nazionale Lo Bianco e Guiggi, che l’olandese vede come due campionesse che le hanno sempre dato del filo da torcere.

Leggi anche:  Pallavolo femminile A1, finalmente torna a disposizione Tiziana Veglia

“Non ho mai giocato con nessuna di queste ragazze, ma le ho sfidate spesso. Con Guiggi e Lo Bianco ricordo grandi battaglie in Nazionale, ma di fama conosco bene anche Giulia Rondon. Sono convinta che questa sia una rosa di livello. I problemi fanno parte dello sport, ma se questo roster diventa una vera squadra, può competere, per qualità media, con tutte”.

Mostra piena fiducia sull’abilità delle sue nuove compagne la Grothues che si lascia scappare anche dei commenti positivi sulla seria A1 italiana, considerata una delle leghe più difficili in quanto nessuna squadra può essere sicura mai della vittoria fino alla fine, e in cui tutti possono perdere con tutti.

“E’ un torneo unico al mondo: tutte le squadre possono sognare e da tutte puoi perdere. Nessuno può dare per scontata una singola gara, il che significa dover dare sempre il 100% in ogni match. Dover essere al massimo della forma ad ogni partita significa essere anche meglio allenate in vista dell’appuntamento di fine settembre, quello del Mondiale”. Negli ultimi due Europei abbiamo centrato l’argento, ora vogliamo confermarci al top a livello mondiale. E’ una sfida intrigante, ma abbiamo tutta l’estate per prepararci “.

Non sembra risentire il passaggio dai grandi centri urbani dove è abituata a giocare e a vivere alla piccola realtà di Casalmaggiore la capitana olandese che spiega come anche nei piccoli centri ci sia una certa dose di fascino e di intrigo:

Leggi anche:  Pallavolo femminile A1, Perugia in campo per lasciare l'ultimo posto

“Ogni posto ha il suo fascino, la grande città e il piccolo paese: in due giorni mi sono fatta solo un’idea marginale di Casalmaggiore, mi sembra però di capire che tutti si conoscono e tutti si aiutano, come in una famiglia allargata e io apprezzo molto questa umanità che una città di ampie dimensioni non può darti. 

Non vede l’ora di scendere in campo con la sua nuova casacca la bella Maret che punta al suo esordio con lo Sneek in Coppa Cev, dove spera di essere determinante per andare fino in fondo nella competizione continentale:

“Spero contro lo Sneek in Coppa Cev al ritorno, farò di tutto per esserci. Altrimenti contro Bergamo nella partita successiva. Sto lavorando sodo per essere vicina al top e poter dare una mano. Mettetemi alla prova e qui a Casalmaggiore dimostrerò che quel qualcuno si sbaglia. Scommettiamo?”

  •   
  •  
  •  
  •