Wilfredo Leòn e il paragone con Cristiano Ronaldo: “Io riuscirei a batterlo”

Pubblicato il autore: GennaroIannelli Segui

Wilfredo Leon: parla il “Cristiano Ronaldo della pallavolo”

Lo schiacciatore della Nazionale polacca Wilfredo Leòn si è confessato nel corso di una lunga intervista ai microfoni di Olympic Channel. Il fuoriclasse di Perugia coni suoi 361 punti è attualmente quinto nella classifica dei migliori cannonieri della Superlega ed è senza ombra di dubbio una delle pedine più importanti del sestetto guidato da Vital Heynen che sta cercando di contendere lo Scudetto alla Lube Civitanova. Una nuova sfida per lui, capace di accumulare record su record e di aggiudicarsi quattro Champions League di fila, tra il 2014 e il 2018. Proprio quest’ultimo dato impressionante rappresenta l’analogia più patente con un altro monumento viente che però ha scolpito il proprio nome in tutt’altra disciplina. Parliamo di Cristiano Ronaldo che di Champions consecutive, con il Real Madrid, ne ha vinte “solo” tre. Proprio Olympic Channel ha voluto azzardare un paragone tra il fenomeno di Madeira e Leòn, definito appunto il “Cristiano Ronaldo della pallavolo”:

Io come CR7? Sono onorato del paragone e del fatto che tutto illavoro svolto, dentro e fuori dal campo, venga riconosciuto. Non credo di essere proprio come lui nel senso che, da ciò che leggo, ha regole molto ferree sull’alimentazione e le ore di sonno. Io sono un po’ più liberale sotto certi punti di vista, ma non vuol dire che sia meno professionale”.

C’è forse un fondamentale che, più degli altri, accomuna questi due grandi campioni: il salto. Tutti ricordano la rovesciata da cineteca con la quale Cristiano Ronaldo sentenziò la Juventus un paio d’anni fa durante un quarto di finale di Champions. Il fenomeno portoghese salì più in alto di tutti e rimase sospeso in aria per un’infinità di secondi prima di trafiggere in acrobazia un incredulo Buffon. Una giocata da applausi, e tale fu la reazione di uno stadio intero pronto a scattare in piedi e sottolineare con la sua ovazione un gesto davvero fuori dal comune.

Così come da applausi sono le schiacciate di Wilfredo Leòn, sospeso in area a cercare l’angolo giusto per scardinare le difese avversarie: ma chi vincerebbe in un’ipotetica gara di salto? Lo hanno chiesto allo stesso Leòn e la sua risposta è stata immediata:
Se si trattasse di saltare per raggiungere più in alto la palla, sicuramente vincerei io. Se invece si parla del semplice stacco da terra, probabilmente salteremmo alla stessa altezza“.

  •   
  •  
  •  
  •