Fognini e il retroscena delle frase incriminata, ma lui non ci sta: “Hanno voluto farmela pagare”

Pubblicato il autore: Andrea Riva Segui

Fognini e il retroscena delle frase incriminata, ma lui non ci sta:

Ieri pomeriggio nel corso del match di secondo turno del torneo Atp di Barcellona contro lo spagnolo Zapata Miralles, il tennista azzurro Fabio Fognini, che era sotto 0-6, 4-4, è stato squalificato per un “verbale abuse” e secondo alcune ricostruzioni (le immagini e l’audio non chiariscono) il ligure avrebbe detto rivolto al giudice: “Sto c***o di giudice di linea di m***a mi ha rotto il c***o  con sto fallo di piede. De puta madre“. Quando è uscito dal campo Fognini è uscito imbufalito spaccando anche la racchetta e gridando: “Non gli ho detto nulla, ma chi c***o si crede di essere?”

Una volta presentatosi in conferenza stampa (virtuale), l’italiano si è presentato in modo abbastanza tranquillo e ha cominciato con una dichiarazione in lingua inglese prima di rispondere alle domande dei giornalisti, di seguito riportiamo le sue dichiarazioni.

Fognini, le sue parole dopo il match

Sono davvero sorpreso di quello che mi è successo oggi. Tutti sanno il mio temperamento in campo, ho fatto tante cose nel corso della mia carriera, ho detto tante cose. Tuttavia, oggi stavo perdendo 6-0, 3-0 e non avevo detto quasi nulla, in maniera quasi sorprendente. Sono sbalordito da quello che è stato deciso dall’ATP, dal giudice di sedia e dal supervisor. Ciò che mi hanno fatto oggi è inesplicabile, e posso garantire che andrò in fondo alla faccenda [“I will investigate”]. Oggi ho pagato per qualcosa che non ho fatto. Un sacco di gente mi ha fermato negli spogliatoi per chiedere cosa abbia effettivamente detto. Non voglio dire nulla che possa ritorcersi contro di me. Stavo cercando di combattere in campo e mi hanno tolto la possibilità di farlo“.

Poi ha continuato in italiano con il quale ha ripetuto più o meno i concetti detti in inglese a Barbara Grassi di Sky Italia: “Ero qui per giocare a tennis, dopo una bella settimana a Montecarlo. Avevo voglia di continuare a lottare contro un avversario che mi stava prendendo a pallate. Ero sotto 6-0, 3-0, soffrivo come un cane. Sicuramente non finisce qui, io vado avanti per la mia strada, mi sono visto togliere qualcosa che oggi non meritavo, ho fatto di peggio nella mia carriera e non sono mai stato squalificato. Ma più che altro è stato tutto gestito in maniera pessima, non mi è stata data la possibilità di continuare a lottare“. Non ho insultato nessuno, certamente quando sono incazzato, come oggi, le parolacce volano, come volano a tanti altri. Ma oggi evidentemente me l’hanno voluta far pagare. Potevano darmi un penalty point, come mi è capitato tante altre volte, ma mi hanno tolto la possibilità di giocare. Non sono qui a discutere se faccio fallo di piede o meno. Lo faccio? Sì. Dovrei partire più indietro? Sì, dovrei partire più indietro“. Oggi sono molto tranquillo, ma soprattutto dispiaciuto, perchè mi stavano uccidendo in campo, lui giocava molto meglio di me, per cui potevo anche perdere 6-0, 6-0, lui non mi stava dando un punto. Poi con l’esperienza, soffrendo e lottando, ero riuscito a girare la partita che stava venendo dalla mia parte, ma mi hanno levato la possibilità di continuare a lottare“.

  •   
  •  
  •  
  •