Internazionali Roma, la Schiavone porta Petra Martic in semifinale. Ecco le dichiarazioni del dopo gara

Pubblicato il autore: Andrea Rao Segui

Francesca Schiavone

Francesca Schiavone porta Petra Martic in semifinale. Agli Internazionali d’Italia la Leonessa continua a ruggire conquistando un ottimo traguardo. Ma stavolta non la fa da tennista, bensì da coach. Da metà aprile, infatti, l’ex vincitrice del Roland Garros, ha accettato di allenare la croata Petra Martic. Nata a Spalato nel 1991, attualmente è la n 25 della classifica WTA. Il rapporto dovrebbe durare fino al prossimo torneo di Parigi.

Francesca Schiavone: “Adesso se vuole superarmi deve vincere a Parigi quest’anno e pure il prossimo…”

Ieri la Martic ha sconfitto, al Foro Italico, l’americana Jessica Pegula per 7-5 6-4. Queste le parole della croata, che in carriera ha avuto momenti difficili a causa di infortuni fisici, rilasciate alla Gazzetta dello Sport: “Ora è cambiato qualcosa. La voce di Francesca, il suo modo di pensare e vedere il tennis mi hanno fatta svegliare. E’ tutto ciò che io vorrei essere in campo: combattente, intensa, positiva. Spero di continuare a lungo con lei”. La Rosea ha anche intervistato Francesca Schiavone, che nelle vesti di atleta, in questo torneo non è mai andata oltre i quarti. Ai giornalisti ha detto: “Avete visto? Mi ha già battuta! Adesso se vuole superarmi deve vincere a Parigi quest’anno e pure il prossimo!”, commenta entusiasta. E sui progressi della sua allieva dichiara: “Quest’inizio è soprattutto suo. In tre settimane con me ha ritrovato il suo gioco, la sua comfort zone, ma io non le ho insegnato niente. Ho appena cominciato e resto convinta che il giocatore sia il vero protagonista. Gli si può dire qualsiasi cosa, alla fine solo chi va in campo fa la differenza. Tra l’altro noi parliamo poco, lei è molto posata e timida, ma è umile, ha cuore grande e tanta voglia di fare. Per questo oggi si gioca una semifinale. Ora dobbiamo guardare avanti, un match alla volta, un punto alla volta. Qui a Roma ha già fatto tre gare buone. Con  la Pliskova?Chissà, ma Petra deve dare importanza a ciò che fa lei, alle sue grandi qualità e al suo gioco“. Queste le parole di elogio. Nella giornata di oggi la spalatina, se la vedrà con Karolina Pliskova, per cercare di agguantare una finale che le manca da troppo tempo.

  •   
  •  
  •  
  •