Wimbledon, consacrazione definitiva per Sinner?

Pubblicato il autore: Antonio Villani

Wimbledon-Sinner
Tennis Wimbledon, i sogni di gloria a Wimbledon sono finiti per Jannik Sinner, almeno per il momento. Il tennista altoatesino che compirà ad agosto 21 anni dopo la vittoria agli ottavi con Alcaraz ha perso in cinque set contro il re dell’erba Novak Djokovic. Sinner avanti per due set a zero aveva fatto sperare tutti i tifosi italiani, poi c’è stato il ritorno del fuoriclasse serbo.

 

Sinner vicino all’impresa a Wimbledon

In un torneo di Wimbledon orfano del tennista azzurro sul quale tutti i riflettori erano puntati, Matteo Berrettini, a prendersi l’intera attenzione è stato Jannik Sinner, grande amico del romano, che ha raggiunto i quarti di finale . Nella sfida di ieri  pomeriggio Djokovic ha dovuto sudare non poco per avere la meglio di Sinner che si era portato avanti due set a zero ( 7-5, 6-2). A quel punto il campione assoluto , vincitore di sei tornei di Wimbledon, si è ricordato di esserlo. Ha cominciato a cancellare gli errori che lo avevano accompagnato nei primi due set, come intestardirsi con le palle corte, e per lui è iniziata una partita perfetta con grandi turni al servizio . Il livello del gioco si è alzato e Sinner si è inchinato 6-3, 6-2, 6-2. Nonostante la sconfitta possiamo dire che per Sinner è arrivata la consacrazione  definitiva.

Un grande futuro per Sinner

Puo’ una sconfitta impressionare? In alcuni casi si. La cosa che ieri ha colpito è stata la convinzione nei propri mezzi con la quale Sinner, dato come nettamente sfavorito alla vigilia del match, è entrato in campo. Lontanissimo ricordo la sconfitta netta a Montecarlo dello scorso anno in due set contro il serbo. In quell’occasione ci fu la sensazione che fosse ancora tanta la strada da percorrere per colmare il gap con Djokovic, quella avuta ieri è che Sinner sia ormai pronto per poter puntare a vincere anche contro i top players.
Ha fatto un certa impressione vedere ad un certo punto Djokovic chiedere una mano al pubblico per superare il momento di difficoltà, segno che dall’altra parte della rete c’era un giocatore di altissimo livello.
Siamo certi che questa per Sinner sarà una sconfitta meno deludente di altre, ci sono tutti i prsupposti per un futuro da campione.

  •   
  •  
  •  
  •