Djokovic punge il pubblico francese: "Goffin ha fatto bene a rispondere a chi manca di rispetto. Non è tollerabile perchè..."

Il tennista serbo, Novak Djokovic, nella conferenza stampa post match vinto in tre set contro lo spagnolo Roberto Carballes Baena, ha criticato il pubblico del Roland Garros, per alcuni comportamenti non educati, avvenuti in questi primi giorni di torneo

Ieri sera Novak Djokovic (testa di serie numero 1), ha vinto il suo incontro di secondo turno al Roland Garros, in corso di svolgimento a Parigi contro lo spagnolo Carballes Baena (6-4, 6-1, 6-2 il risultato) ed ora affronterà sabato 1 giugno, l'azzurro Lorenzo Musetti, che ha sconfitto in tre set il transalpino Gael Monfils.

Nella conferenza stampa del dopo partita, gli è stata fatta la domanda sulle intemperenze del pubblico parigino, che hanno causato le proteste della numero 1 del ranking WTA, ovvero la polacca Iga Swiatek, che aveva fatto un appello di non parlare e gridare durante gli scambi, ma anche del belga David Goffin, che dopo aver sconfitto il tennista di casa, Giovanni Mpetshi Perricard, era stato insultato e addirittura preso di mira con alcuni sputi.

Leggi anche:  Intervista esclusiva a Diego Nargiso: "Cobolli e Darderi arriveranno presto al top. Che spettacolo Paolini!"

Il tennista serbo, abituato a dare il meglio di sè in campo, proprio quando viene disturbato e provocato, senza peli sulla lingua come al solito, ha voluto dire la sua, su quanto sta succendo in questi primi giorni di torneo sugli spalti. Di seguito vi proponiamo quanto detto.

Roland Garros: Djokovic critica il pubblico parigino

"I tifosi sono molto appassionati, soprattutto qui. Ho provato nel bene e nel male cosa significa. So bene che in campo non è possibile giocare in un ambiente del tutto neutrale. A noi tennisti farebbe piacere ma sappiamo che non è possibile. In particolare se affrontiamo un tennista di casa. Qui devi essere consapevole che ti aspetta una grande battaglia non solo col tuo avversario. Anche questo fa parte del nostro mondo e magari è bello sentire la gente che fa il tifo per il giocatore del proprio Paese. Però…"

"In casi simili capisco perché Goffin abbia reagito, io stesso ho vissuto episodi di quel tipo. Ha fatto bene a rispondere a persone che gli mancano di rispetto e lo disturbano. Questo non è tollerabile, perchè ti rendi conto di spendere energie che potresti usare per la tua partita ma a volte non hai scelta. Devi semplicemente affrontare qualcuno che ti sta infastidendo".

Leggi anche:  Intervista esclusiva a Diego Nargiso: "Cobolli e Darderi arriveranno presto al top. Che spettacolo Paolini!"