Crisi Inter: Eder e Handanovic parlano delle difficoltà della società neroazzurra

Pubblicato il autore: Concetta Manuppelli
I giocatori dell'Inter Eder e Handanovic

I giocatori dell’Inter Eder e Handanovic

Dopo la partita Inter-Sassuolo, dalla quale la squadra neroazzurra è uscita pesantemente sconfitta, i giocatori della squadra di Milano Eder e Handanovic si sono sfogati e hanno espresso i propri pensieri e stati d’animo, in merito al periodo difficile che la società interista sta attraversando.
L’attaccante dell’Inter Eder ha commentato molto deluso e con toni di grande amarezza la crisi dell’Inter affermando: “Anche noi ci interroghiamo su questo momento difficile. Poche parole da dire, è un’altra stagione negativa. Sono arrivato nell’ultimo anno e ho trovato le stesse difficoltà che l’Inter ha sofferto negli ultimi 5-6 anni: se la società a inizio stagione ci ha chiesto la Champions League e ci ritroviamo a lottare per l’Europa League c’è qualcosa che non va. Non è questione di stimoli, ma parte tutto da inizio anno, dove abbiamo cominciato tra molte difficoltà prima di una rincorsa incredibile. Dopo la Sampdoria forse ci siamo scoraggiati, perché abbiamo visto svanire il nostro obiettivo, ma è un’annata brutta.”
Dalle parole dette del giocatore dell’Inter Eder, emerge la profonda convinzione che la società neroazzurra stia attraversando delle problematiche interne e che, per queste ragioni, la stessa società interista ha una buona parte delle responsabilità del momento di profonda crisi che la squadra dell’Inter sta passando.
Lo stesso Eder, inoltre, sempre in merito al periodo difficoltoso della squadra neroazzurra, non si è sentito di puntare il dito solo contro la società interista, ma ha anche voluto aggiungere: “Non possiamo parlare di errori individuali abbiamo fatto tutti male e siamo tutti sulla stessa barca, giochiamo a calcio e non a tennis: ecco perché abbiamo fallito l’obiettivo. Chi si sente giocatore da Inter e vuole restare deve dirlo alla società e così chi vuole andarsene: allo stesso modo la società deve avere la personalità di parlare chiaro, è così che si crea un gruppo. Bisogna avere la consapevolezza che una squadra come l’Inter non può continuare così anche l’anno prossimo.”
Con queste affermazioni, Eder ha lasciato intendere il fatto che la società dell’Inter non è l’unica e diretta responsabile dei numerosi insuccessi raccolti nel corso della stagione, ma che anche i giocatori della squadra neroazzurra hanno una buona parte delle colpe nel mancato raggiungimento dei numerosi obiettivi che la società interista si era prefissata a inizio stagione.
Secondo Eder, infatti, all’origine della crisi dell’Inter vi è un concorso di colpe tra società e giocatori ed, in particolare, un’incapacità di instaurare una forma di dialogo adeguata da entrambe le parti.
Del periodo difficile che l’Inter sta passando, ne ha voluto parlare anche il portiere Handanovic, il quale affranto ha dichiarato: “Oggi (in riferimento alla partita disputata e persa dall’Inter contro il Sassuolo) sono accadute le stesse cose che si ripetono da molte partite ormai, il discorso non è cambiato siamo sempre lì. Ci serve qualcosa di diverso, da noi non c’è serenità, è tutto l’anno che va così. Non dobbiamo cercare colpevoli, dobbiamo analizzare la situazione e capire come ripartire. Il momento è negativo, dobbiamo stringere i denti e provare a chiudere bene.”
Handanovic, dunque, a differenza di Eder, nonostante la grande tristezza e profonda amarezza per la stagione deludente, è fermamente convinto del fatto che non serva a nulla tentare di trovare i colpevoli degli insuccessi, ma ciò che conta, in questa fase problematica che la squadra dell’Inter sta passando, è cercare di mitigare e stemperare il clima di tensione che si respira al suo interno, per provare ad andare avanti nonostante le batoste rimediate nel tentativo di uscire dalla spirale negativa, dentro la quale la squadra neroazzurra è entrata.
Infine, lo stesso Handanovic ha voluto rivolgere il seguente pensiero di solidarietà nei confronti di tutti i tifosi neroazzurri: “Li posso comprendere, siamo da cinque anni in questa situazione e non è possibile per l’Inter. La pazienza ad un certo punto finisce. È dura anche per noi giocatori, è il momento più difficile da quando sono qui (all’Inter)“.
Che ne pensate del momento di crisi che l’Inter sta passando e delle dichiarazioni rilasciate dai giocatori neroazzurri Eder e Handanovic in merito alle difficoltà che la società interista sta attraversando?

  •  
  •   
  •  
  •  
  •   
  •