Il prete indossa la maglia di Icardi durante il matrimonio. Il bomber argentino lo ringrazia su Instagram (VIDEO)

Pubblicato il autore: Giuseppe Biscotti Segui

Mauro Icardi – Foto Getty Images© scelta da SuperNews

Il prete celebra il matrimonio con la maglia di Icardi. Un sacerdote non è riuscito a contenere la sua passione sfrenata verso i colori interisti e ha deliziato tutti i presenti in chiesa di uno show esilarante. Lo sposo, probabilmente anche lui di fede nerazzurra, è stato omaggiato con un esibizione fuori dal comune durante la celebrazione del suo matrimonio. Dopo aver cantato “Mamma Maria” in maniera molto vivace, il prete si è improvvisamente svestito della tonaca ed è rimasto con indosso la maglia numero nove di Icardi, inscenando una corsa verso il centro della chiesa e provocando sorrisi ed esclamazioni di sorpresa degli invitati.

potrebbe interessarti ancheStefano Tacconi: “Arbitri e Var? Chi perde cerca sempre scuse. Icardi? Marotta lo ha già venduto”

Icardi ringrazia il prete sui social. Il video sta spopolando sul web a suon di commenti ironici e risate ed è subito arrivato anche a Maurito,  che ha apprezzato il gesto del sacerdote tifoso. Il bomber nerazzurro ha condiviso il filmato attraverso il suo profilo Instagram e ha commentato il divertente episodio con la didascalia “Questo signore è un FENOMENO”.  Appena tornato a Milano dalle vacanze trascorse tra Africa e Seychelles, il giocatore argentino ha preferito non rilasciare dichiarazioni a nessuno dei giornalisti presenti a Malpensa. Al centro delle voci di mercato riguardanti un suo possibile scambio con Higuain o la richiesta di 9 milioni per il rinnovo con l’Inter, Icardi ha preferito glissare e non lasciar trapelare nulla sul suo futuro.

potrebbe interessarti ancheIcardi contro la Gazzetta: “Quale Icarday? Fatevi due domande…”

notizie sul temaIcardi, il mal di Inter e una Wanda di troppoInter, distanze da Wanda Nara: il club vuole trattare con un intermediarioInter, rinnovo Icardi: i nerazzurri tremano, il Real Madrid ci prova
  •   
  •  
  •  
  •