Caso Icardi, l’argentino è convocato ma non si presenta alla partenza per Vienna

Pubblicato il autore: Cosimo Commisso Segui

Era nell’aria. Il tira e molla tra Wanda Nara, moglie e agente di Mauro Icardi, e la società nerazzurra sta provocando più caos che altro. L’oggetto di discussione, com’è facile intuire, è il rinnovo del bomber dell’Inter ed il mancato accordo non fa dormir sonni tranquilli nè a Marotta, nè ai tifosi. Oggi, attorno alle 11:30, è stato un semplice tweet a scatenare l’inferno delle ultime ore. In perfetto stile Twitter, breve ma essenziale, l’Inter ha annunciato il passaggio della fascia di capitano da Icardi a Samir Handanovic, non giustificando la scelta. Una notizia inaspettata, soprattutto considerata la dichiarata voglia di entrambe le parti di proseguire il rapporto lavorativo anche nelle prossime stagioni. Probabilmente, alla luce della sanguinosa decisione, c’è la volontà di risolvere i disguidi senza caricare di ulteriori pressioni l’argentino, che sta mancando in fase realizzativa ormai da un paio di mesi. Il portiere sloveno, silenzioso ma carismatico, avrà il compito di compattare lo spogliatoio e allontanare tutte le voci che parlano di scontri e quant’altro. Non ci si può distrarre troppo, difatti domani riparte la campagna europea dei milanesi, impegnati nella sfida di Europa League contro il Rapid Vienna. Un’ulteriore notizia di quest’infinita giornata è proprio l’assenza di Mauro Icardi tra i convocati per il match di coppa. Quest’ultimo, secondo quanto svelato da Luciano Spalletti, si sarebbe rifiutato di raggiungere i compagni in seguito al caos-fascia. Sarà dunque Lautaro Martinez, con tutta probabilità, a comporre il pacchetto offensivo con Perisic e Politano.

potrebbe interessarti ancheInter interessata a Danilo del Manchester City

Si può fare a meno di Icardi?

Icardi, a meno di clamorosi eventi, non partirà per una cifra inferiore ai 110 milioni di euro. Le confessioni di Paratici di qualche giorno fa, in cui testimoniava l’imprescindibilità dell’attaccante nel progetto Inter, hanno confermato il peso del bomber nelle idee di Steve Zhang. A dir la verità, a parte qualche rumors, offerte vere e proprie per l’ormai ex capitano non ne sono arrivate. E, forse, è meglio così. Spalletti ha intanto rassicurato tutti in conferenza stampa: “Ci sarà tempo per chiarire, la società si occupa dei contratti e le decisioni son state prese per il bene del collettivo. Tutto ciò che gira intorno all’attaccante disturba lui e la squadra“. L’Inter, concentrata sull’obiettivo terzo posto e sull’Europa League, non può permettersi di perdere il proprio calciatore più rappresentativo. A dispetto della recente assenza sul tabellino dei marcatori, bisogna sempre tener presente la quantità industriale di reti decisive realizzate nelle ultime cinque stagioni, i due titoli di capocannoniere della Serie A ed il grandissimo apporto per la risalita del “biscione” ai vertici del calcio italiano.

potrebbe interessarti ancheIJF19, Valsecchi a SN: “In Leclerc rivedo Hamilton. Alla Ferrari serve affidabilità, ha i piloti giusti per vincere”

L’argentino non è una prima punta moderna, anzi. Non si avvicina neanche lontanamente a Cavani, Kane, Lewandosky o Suarez, eppure trasforma in oro ogni palla sporca che passa dalle sue parti. Assomiglia più a Trezeguet e Inzaghi, almeno da questo punto di vista. L’Inter, col ricavato della cessione del numero nove, farebbe comunque fatica a trovare un degno sostituto, che assicuri un determinato apporto e rendimento alla squadra. Proprio questo è il motivo per il quale si parlerà a lungo in merito al rinnovo di contratto, sperando in una conclusione positiva.

notizie sul temaZaniolo, niente asta per il gioiello della Roma: no secco alla JuveCalciomercato Inter, Marotta fa sognare i tifosi nerazzurriConte, a giugno l’annuncio:”Juventus? Serve rispetto per i tifosi”
  •   
  •  
  •  
  •